domenica,Luglio 21 2024

Armi e munizioni nel sottoscala a Vibo, condannato un collaboratore di giustizia

Per la Cassazione i reati non sono prescritti. La scoperta nel gennaio del 2018 ad opera dei carabinieri del Norm

Armi e munizioni nel sottoscala a Vibo, condannato un collaboratore di giustizia
Michele Camillò

Confermata dalla prima sezione penale della Cassazione la condanna a 2 anni e 2.400 euro di multa nei confronti di Michele Camillò, 42 anni, di Vibo Valentia, dal 2020 passato tra le fila dei collaboratori di giustizia. In primo grado, il gip del Tribunale di Vibo Valentia in data 10 ottobre 2018 aveva condannato l’imputato a 3 anni di reclusione e quattromila euro di multa. La pena era poi stata rideterminata in 2 anni dalla Corte d’Appello di Catanzaro. Michele Camillò era accusato di aver occultato nel sottoscala della propria abitazione – e precisamente nel vano del contatore condominiale dell’acqua celate all’interno di alcune sacche di stoffa ed involucri di cellophane trasparente – una pistola beretta calibro 9 con matricola abrasa ed una pistola beretta calibro 7,65 con matricola punzonata. Entrambe le armi sono da ritenersi clandestine. Trovato poi un revolver beretta calibro 4 con colpo singolo non censito in banca dati; 250 munizioni calibro 9 luger; 100 colpi calibro 32 Sw; 100 munizioni calibro 45 Acp. La perquisizione da parte dei carabinieri del Norm porta la data del 22 gennaio 2018. Il ricorso in Cassazione era stato proposto da Michele Camillò lamentando un’omessa declatoria da parte della Corte d’Appello di intervenuta prescrizione. La Suprema Corte ha tuttavia ritenuto il ricorso inammissibile rilevando che nel caso di specie non è intervenuta la prescrizione invocata dal ricorrente trattandosi di detenzione illegale di armi e munizioni, reati permanenti e commessi sino al 22 gennaio 2018 e quindi non prescritti al 27 febbraio 2023, data della sentenza di appello impugnata in Cassazione. Michele Camillò nel processo in abbreviato nato dal maxiprocesso Rinascita Scott è stato invece condannato a 2 anni, 2 mesi e 20 giorni in appello.

LEGGI ANCHE: Rinascita Scott, Michele Camillò: «Sto accusando anche il mio sangue»

Rinascita Scott: Michele Camillò ed i misfatti dei clan fra Vibo, Zungri e Filandari

Rinascita Scott: Michele Camillò e le “talpe” fra le forze dell’ordine ed in Tribunale

Rinascita Scott: Camillò e lo scontro dei vibonesi con il clan di Zungri e Pannaconi

Rinascita Scott: Michele Camillò, la figura del padre e la nascita di una ‘ndrina distaccata a Vibo

Rinascita Scott: Michele Camillò e la città di Vibo piegata dalle intimidazioni

Rinascita Scott: Michele Camillò e le riunioni mafiose a Vibo, dai riti agli affiliati

Articoli correlati

top