Il Comune di Vibo rivuole Palazzo delle Accademie, “Polisa” verso lo sfratto

Scaduta la convenzione tra l’Ente e il Politecnico internazionale che, dopo otto anni, potrebbe presto dover lasciare i locali

Scaduta la convenzione tra l’Ente e il Politecnico internazionale che, dopo otto anni, potrebbe presto dover lasciare i locali

Informazione pubblicitaria

Dopo otto anni di uso gratuito dei locali messi a disposizione dal Comune, sembra sia finita la permanenza del Politecnico “Scientia et Arts” (Polisa) nel Palazzo delle Accademie. Il Polisa, infatti, grazie alla convenzione stipulata con l’Ente, per utilizzare l’edificio, non ha mai pagato un euro. Lo scorso mese però è scaduta la convenzione di comodato d’uso gratuito e ora il Comune quei locali li rivuole indietro. Così, qualche giorno fa il Politecnico ha ricevuto una lettera dall’Ufficio Urbanistica, settore che ricade sotto le competenze dell’assessore Pasquale Scalamogna, nella quale gli è stato intimato di lasciare la struttura. I vertici del Polisa hanno, però, rispedito la richiesta al mittente manifestando la volontà di rimanere alle stesse condizioni, evidenziando che il Comune ha provocato uno slittamento delle lezioni a causa del ritardo nell’eseguire una serie di lavori. L’indirizzo di Palazzo Razza, invece, sembra essere tracciato: per continuare a svolgere le sue attività musicali, l’istituto di formazione dovrà pagare un canone sulla cui entità si dovrà inevitabilmente aprire un confronto tra le parti.