“Chi l’ha visto” a Serra San Bruno, il priore: «Torregrossa non è nella Certosa»

Dom Ignazio Iannizzotto: «Ci siamo da tempo impegnati a segnalare all’autorità di pubblica sicurezza ogni nuovo ingresso in monastero»
Dom Ignazio Iannizzotto: «Ci siamo da tempo impegnati a segnalare all’autorità di pubblica sicurezza ogni nuovo ingresso in monastero»
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Il priore della Certosa di Serra San Bruno, dom Ignazio Iannizzotto, con un comunicato stampa contesta le notizie secondo cui Massimo Torregrossa, presidente della Fondazione Betania di Catanzaro, scomparso il 13 agosto scorso, possa trovarsi all’interno della Certosa stessa. «Il priore – si legge nella nota – si è da tempo impegnato a segnalare all’autorità di pubblica sicurezza, a norma di legge, ogni ingresso in monastero di ogni nuova persona. Inoltre l’eventuale omissione della segnalazione di una persona scomparsa è un fatto molto grave, che non può essere ipotizzata con tanta leggerezza». Il priore lamenta dunque una «utilizzazione distorta che viene fatta in sede giornalistica della vita in clausura». Del caso Torregrossa si sta occupando in particolare il noto programma di Rai 3 “Chi l’ha visto”, la cui troupe nei giorni scorsi è stata proprio a Serra San Bruno per raccogliere informazioni utili alla ricostruzione del caso.

Informazione pubblicitaria