mercoledì,Giugno 16 2021

Serra, controlli nell’ambito della Festa del fungo: denunce e sequestri dell’Arma

Attività condotta in strada e in collaborazione con Nas e Nil. Un giovane è stato segnalato per porto di coltello, un 59enne per guida di mezzo sequestrato

Serra, controlli nell’ambito della Festa del fungo: denunce e sequestri dell’Arma

Nel corso dell’ultimo weekend, i carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno, guidati dal capitano Marco Di Caprio, unitamente ai militari dei reparti specializzati del Nas di Catanzaro e del Nil di Vibo Valentia, al fine di garantire una cornice di sicurezza agli eventi organizzati nell’ambito della Festa del fungo a Serra, hanno intensificato i controlli sul piano preventivo e su quello repressivo. Di fatto sono state predisposte specifiche pattuglie in coordinazione per incrementare maggiormente il livello di sicurezza, innanzitutto nei controlli stradali e sul piano dell’ordine e la sicurezza pubblica. Varie sono state anche le pattuglie “appiedate” dei carabinieri tra la gente. [Continua dopo la pubblicità]

Non sono mancate le denunce all’autorità giudiziaria. È il caso di un ragazzo 28enne originario di Mongiana, denunciato per il porto di un coltellino; lo stesso, è stato inoltre segnalato alla Prefettura di Vibo Valentia per uso personale di marijuana. È stato poi denunciato un 59enne di Arena, ritenuto responsabile di essersi messo alla guida di un veicolo sottoposto precedentemente a sequestro giudiziario ed inoltre privo dell’assicurazione obbligatoria. Sempre sul piano della sicurezza stradale, varie sono state le sanzioni elevate soprattutto per guida senza assicurazione e senza revisione, per complessivi 17.500 euro. Sono stati, inoltre, controllati vari esercizi di ristorazione: in tutto i controlli hanno interessato sei ristoranti, dove in alcuni di questi sono state riscontrate violazioni in materia di lavoro nero (individuati due lavoratori privi di contratto). Sono quindi scattate delle sanzioni amministrative per un totale di 7.200 euro. In alcuni casi sono stati trovati alimenti privi di tracciabilità che hanno portato a sanzioni per 4.500 euro e in due casi non sono stati rispettati i requisiti minimi di igiene, disattenzione che ha portato ad una sanzione di 2.000 euro. In totale sono stati sequestrati circa 30 chilogrammi di alimenti privi di tracciabilità, un coltello a serramanico, due grammi di marijuana e due autoveicoli.

Articoli correlati

top