domenica,Maggio 16 2021

Scoperta discarica di eternit a Vibo, denunciato il proprietario del terreno

Il rilievo effettuato dal Roan della Guardia di finanza ha permesso di rinvenire oltre 200 metri di lastre contenenti amianto e altri rifiuti pericolosi.

Scoperta discarica di eternit a Vibo, denunciato il proprietario del terreno

Il Reparto operativo aeronavale (Roan) della Guardia di finanza di Vibo Valentia, ha scoperto una discarica di rifiuti contente eternit, in località “Strada dei mulini” nel territorio del comune capoluogo. Ad effettuare il rilievo, nell’ambito di un’attività finalizzata alla repressione d’illeciti ambientali nel Vibonese, le Fiamme gialle della Stazione navale di Vibo Marina che, unitamente al sequestro dell’area, hanno proceduto all’identificazione del presunto responsabile della costituzione della discarica.

Gli stessi finanzieri, in particolare, hanno accertato la presenza, su un terreno privato non recintato, di 79 lastre di eternit contenente amianto, per un totale di circa 200 metri quadri, oltre a 2 metri cubi dello stesso materiale frammentato, scarti da lavorazione edili e altri rifiuti di natura pericolosa e non, parzialmente dati alle fiamme. L’intera area interessata dallo scarico abusivo di rifiuti, per un’estensione totale di circa 300 metri quadrati, è stata, come detto, sottoposta a sequestro. L’esito delle prime indagini, ha quindi permesso di risalire all’identità del proprietario del terreno, denunciato all’Autorità giudiziaria per gravi violazioni ambientali. Non risulta che lo stesso avesse mai denunciato lo scarico arbitrario di rifiuti pericolosi nella sua proprietà.

Sul sito, insieme agli uomini della Gdf, sono intervenuti i tecnici dell’Arpacal di Vibo Valentia, al fine di eseguire ulteriori analisi chimico fisiche, e i tecnici del settore Lavori pubblici del Comune, per emettere la prevista ordinanza di ripristino e bonifica dei luoghi nei confronti del proprietario del terreno. Sono in corso ulteriori indagini per accertare eventuali altri responsabili dell’illecita attività.

top