Processo Costa Pulita: l’imprenditore Lopreiato contro le dichiarazioni di Cascasi

Il ristoratore respinge la ricostruzione del teste dell’accusa che ieri si è soffermato sui “suggerimenti” che avrebbe ricevuto per incontrare il boss Michele Mancuso e “sistemare” la vicenda dei pontili a Vibo Marina
Il ristoratore respinge la ricostruzione del teste dell’accusa che ieri si è soffermato sui “suggerimenti” che avrebbe ricevuto per incontrare il boss Michele Mancuso e “sistemare” la vicenda dei pontili a Vibo Marina
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

In relazione alla deposizione dell’imprenditore Francesco Cascasi avvenuta ieri nel processo “Costa Pulita” nel corso della quale il teste ha raccontato che il titolare del ristorante L’Approdo di Vibo Marina gli avrebbe suggerito di andare ad incontrare il boss Cosmo Michele Mancuso di Limbadi per non avere problemi nella gestione e per le concessioni dei pontili a Vibo Marina, dal sig. Giuseppe Lopreiato riceviamo e integralmente pubblichiamo: “Egregio Sig. Direttore,leggo sul quotidiano on line “Il Vibonese” alcune affermazioni fatte in sede di udienza nei miei confronti dal Sig. Cascasi Francesco e posso affermare che esse assolutamente non corrispondono al vero. Su tale argomento ho già riferito e documentato all’A.G. procedente, alla quale ho chiesto io di essere interrogato, il reale svolgimento dei fatti e le mie ragioni. Posso affermare di non aver mai dato i suggerimenti che Cascasi sostiene e tanto meno di essermi offerto ad accompagnarlo da alcuno.Questo perché chi legge sappia la verità dei fatti. La ringrazio Giuseppe Lo Preiato”.

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: Costa Pulita: Cascasi ed il pontile a Vibo Marina, fra ostacoli dal Comune e pressioni dai Mancuso