giovedì,Aprile 15 2021

Zungri, la comunità parrocchiale si divide sul quadro della Madonna della Neve

Per l’associazione “La lanterna”, l’affidamento del restauro dell’antico dipinto sarebbe dovuto avvenire con una regolare gara d’appalto. Il parroco ha però optato per un affidamento diretto

Zungri, la comunità parrocchiale si divide sul quadro della Madonna della Neve

Ancora polemiche nella parrocchia di Zungri. Cambia il sacerdote (al posto di don Felice La Rosa, coinvolto in un’inchiesta per prostituzione minorile, è arrivato don Giuseppe Larosa) ma la comunità parrocchiale rimane spaccata.

Il pomo della discordia è sempre lo stesso: il restauro dell’antico e prezioso quadro della Madonna della Neve. I componenti dell’associazione “La lanterna” contestato a don Giuseppe di aver affidato i lavori ad una restauratrice senza prima indire una regolare gara d’appalto al fine di far risparmiare i fedeli, sui quali peserà il costo dell’intervento.

«In un primo momento – ha affermato il presidente del sodalizio Piero Pascuzzi – il parroco sembrava d’accordo con noi, poi improvvisamente ha fatto una virata di 180 gradi avallando le decisioni del suo predecessore che, a suo tempo, avevano causato tante divisioni».

Anche il comportamento del primo cittadino, Franco Galati, sarebbe stato ambiguo per l’associazione. «Ci eravamo rivolti al sindaco – ha riferito ancora Pascuzzi – perché facesse da mediatore e invece si è appiattito sulle posizioni del prete. Comunque la protesta andrà avanti. Non possiamo subire le decisioni altrui. La comunità, che è poi quella che mette i soldi, ha il diritto di dire la sua e di incidere sulle varie scelte della Chiesa locale».

top