lunedì,Aprile 19 2021

Mancato accatastamento del nuovo Tribunale di Vibo, la minoranza Pd presenta un’interrogazione

I consiglieri Fiorillo, Lo Schiavo, Tomaino e Pilegi chiedono chiarimenti sullo stato degli interventi al Palazzo di Giustizia di via Lacquari dopo la sospensione delle udienze

Mancato accatastamento del nuovo Tribunale di Vibo, la minoranza Pd presenta un’interrogazione

Un’interrogazione sullo stato degli interventi sul Palazzo di Giustizia di via Lacquari a Vibo Valentia, rivolta al presidente del consiglio comunale Stefano Luciano e per conoscenza al sindaco Elio Costa, è stata presentata dai consiglieri comunali Maria Fiorillo (prima firmataria), Antonio Lo Schiavo, Rosario Tomaino e Loredana Pilegi, esponenti della minoranza interna del Partito democratico dal quale hanno, in vari tempi e con varie modalità, preso le distanze convergendo in quello che si profila come nuovo gruppo autonomo all’interno dell’assise di Palazzo Luigi Razza.

L’interrogazione rappresenta dunque il primo atto collegiale di questa nuova compagine consiliare e mira a conoscere lo stato delle procedure in atto sul nuovo tribunale cittadino a cominciare dal mancato accatastamento dell’immobile. Caso sollevato da ilvibonese.it qui Giustizia e incompiute: il nuovo Tribunale di Vibo Valentia non risulta accatastato

Fiorillo, Lo Schiavo, Tomaino e Pilegi motivano l’intervento partendo dalla decisione del presidente del Tribunale di disporre, «vista l’inagibilità per via della bassa temperatura degli ambienti ed il perdurante malfunzionamento dell’impianto di climatizzazione», il trasferimento del «personale della Sezione Lavoro nella sede del Tribunale di corso Umberto I e la celebrazione solo dell’attività ed udienze urgenti e non indifferibili».

Considerato, aggiungono, che «nel suddetto provvedimento il presidente dà atto che la mancata iscrizione catastale ed il mancato completamento dell’immobile non consentono al ministero della Giustizia di effettuare gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria dell’edificio; che lo stesso presidente dà atto che l’amministrazione comunale di Vibo Valentia ha confermato di aver avviato le procedure per un intervento urgente sull’immobile di via Lacquari e che tale intervento dovrebbe essere completato entro la fine di gennaio», i consiglieri chiedono di «essere messi a conoscenza dello stato delle procedure relative all’intervento urgente da effettuare sull’immobile e sulla tempistica per il ripristino del funzionamento degli impianti oggetto dei lavori; per conoscere le ragioni della mancata iscrizione catastale del piano terra del Tribunale attualmente in uso per le attività giudiziarie e gli uffici giudiziari».

top