Armi e munizioni in casa, gip Vibo dispone gli arresti domiciliari

La scoperta nella frazione Longobardi dopo una perquisizione ad opera dei carabinieri
La scoperta nella frazione Longobardi dopo una perquisizione ad opera dei carabinieri
Informazione pubblicitaria
Il Tribunale di Vibo Valentia
Informazione pubblicitaria

E’ stato convalidato dal gip del Tribunale di Vibo Valentia, Tiziana Macrì, l’arresto di Alberto Marchese, 39 anni, di Longobardi (frazione di Vibo Valentia), arrestato venerdì dai carabinieri della Stazione di Vibo Marina per la detenzione illegale di una pistola con matricola abrasa, da ritenersi quindi arma clandestina, e di 57 proiettili. La pistola è stata trovata in un borsone all’interno di un armadio, mentre i proiettili si trovavano  occultati nella tasca di un giubbotto e in un contenitore nella cucina. Dopo la convalida, il giudice in accoglimento delle argomentazioni dell’avvocato Diego Brancia, ha disposto per Alberto Marchese gli arresti domiciliari. Il pm Corrado Caputo aveva chiesto la custodia cautelare in carcere.

Informazione pubblicitaria