Omicidio Torchia: eseguita l’autopsia, oggi i funerali

Per l’ufficiale giudiziario letale un fendente alla tempia. Le esequie nel pomeriggio a Francavilla Angitola. Migliorano le condizioni del figlio Giuseppe

Per l’ufficiale giudiziario letale un fendente alla tempia. Le esequie nel pomeriggio a Francavilla Angitola. Migliorano le condizioni del figlio Giuseppe

Informazione pubblicitaria

È stata eseguita l’autopsia sul cadavere di Mario Torchia, l’ufficiale giudiziario di Francavilla Angitola ucciso a coltellate da Foca Carchedi, 29 anni, amico di famiglia della vittima e legato alla stessa da lontani rapporti di parentela.

Ad uccidere il 59enne, colpito da tre fendenti, sarebbe stato un unico colpo fatale sferrato alla tempia dal giovane che si è avventato sull’uomo per motivi che restano ancora da accertare. Gli altri due colpi lo hanno raggiunto al fianco e all’addome.

Omicidio a Francavilla Angitola, ucciso ufficiale giudiziario (NOME-FOTO-VIDEO)

Nella colluttazione è rimasto ferito anche il figlio di Torchia, Giuseppe, di 25 anni, intervenuto in soccorso del padre. Il giovane si trova ancora ricoverato in ospedale a Catanzaro, dove ha subito un intervento. Le sue condizioni sono in miglioramento.

E sempre nel capoluogo di regione, si trova recluso in carcere l’aggressore il quale, secondo quanto si apprende, avrebbe raggiunto (già armato di coltello) l’abitazione dell’ufficiale giudiziario facendosi accompagnare da un amico che, ignaro delle sue intenzioni, lo avrebbe lasciato davanti all’abitazione che lo stesso Carchedi frequentava abitualmente visti i legami esistenti. Lo stesso avrebbe poi autonomamente fatto ritorno a casa dove avrebbe riferito ai suoi genitori del gesto compiuto.

Omicidio di Francavilla Angitola, il fermato non risponde ai carabinieri (FOTO)

Intanto si terranno oggi a Francavilla Angitola i funerali di Mario Torchia. Le esequie avranno luogo alle 16 nella chiesa di San Foca Martire. Torchia, molto conosciuto a Francavilla e in provincia di Vibo, prestava servizio all’Unep del Tribunale di Vibo Valentia, era stato impegnato in politica e aveva fatto ritorno al suo paese da qualche mese dopo un periodo di cure trascorso a Roma. Lascia la moglie, il figlio Giuseppe e due figlie.