sabato,Maggio 8 2021

Giustizia: il Csm apre una pratica a tutela di Gratteri

L’organo di autogoverno della magistratura dovrà occuparsi delle accuse rivolte al magistrato dal procuratore generale di Catanzaro Lupacchini e dalla parlamentare del Pd Bruno Bossio

Giustizia: il Csm apre una pratica a tutela di Gratteri

La prima commissione del Csm ha deciso all’unanimità di aprire una pratica a tutela del procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri. L’iniziativa è legata alle accuse rivolte al magistrato dal Pg di Catanzaro Otello Lupacchini e dalla parlamentare del Pd Enza Bruno Bossio. Lupacchini in un’intervista a un’emittente televisiva nazionale aveva parlato di «evanescenza di molte operazioni della Procura di Catanzaro» e aveva lamentato di aver appreso i nomi degli arrestati e le ragioni dei provvedimenti dalla stampa.
Lupacchini rischia di dovere lasciare il suo posto il procuratore generale di Catanzaro. La prima commissione del Csm ha infatti aperto nei suoi confronti la procedura di trasferimento d’ufficio per incompatibilità ambientale. Lupacchini è stato convocato per lunedì prossimo al Csm.

Bruno Bossio aveva definito l’operazione di Gratteri uno «show» ,destinato a finire «in una bolla di sapone come il 90% delle sue indagini», con un unico scopo: «colpire la possibilità di Oliverio di ricandidarsi». Un commento da cui aveva preso le distanze il Pd prima della sua cancellazione.

La prima Commissione del Csm, presieduta dal togato di A&I Sebastiano Ardita, ha poi deciso, all’unanimità, di aprire una pratica per valutare l’incompatibilità ambientale nei confronti del procuratore generale di Catanzaro Otello Lupacchini, che è stato già convocato per lunedì a Palazzo dei Marescialli per essere audito nell’ambito della procedura prevista dall’articolo 2 della legge sulle guarentigie (con facoltà di farsi assistere da un difensore).
Lupacchini sarà sentito in merito alle dichiarazioni rilasciate nel corso di una intervista televisiva (al Tgcom) nella quale – dopo l’operazione antimafia “Rinascita” che ha portato all’arresto di oltre 330 persone – avrebbe delegittimato pubblicamente l’operato del procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri, e in merito ad altri comportamenti che, secondo la prima commissione, appannerebbero l’immagine del magistrato e la sua capacità di operare con la necessaria indipendenza ed autonomia nel distretto.
Dal canto suo, l’avvocato di Lupacchini ha chiesto al Csm di aprire una pratica a tutela del procuratore generale di Catanzaro Otello Lupacchini. Il documento è stato trasmesso alla prima commissione, che stamane, all’unanimità, ha deciso di aprire una pratica per incompatibilità ambientale nei confronti di Lupacchini e una a tutela del capo della procura di Catanzaro Nicola Gratteri.

LEGGI ANCHE: “Rinascita”: i migranti sepolti senza bara ed i cimiteri di Vibo e Bivona

Articoli correlati

top