Detenzione di hashish, assolto 52enne di Zambrone

Era finito due anni fa agli arresti domiciliari. Si trova attualmente imputato anche nell’operazione “Roba di famiglia”
Era finito due anni fa agli arresti domiciliari. Si trova attualmente imputato anche nell’operazione “Roba di famiglia”
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria
Giuseppe Caglioti

Il Tribunale di Vibo Valentia ha assolto Giuseppe Caglioti, 52 anni, di San Giovanni di Zambrone, dall’accusa di detenzione di sostanze stupefacenti finalizzata allo spaccio. Nel caso di specie si trattava di 27 grammi di hashish. Giuseppe Caglioti era stato controllato dai carabinieri, unitamente al proprio fratello, Andrea Caglioti, già ai domiciliari e deferito in stato di libertà in quanto trovato a sua volta in possesso di cinque grammi di marijuana, due grammi di hashish ed una dose di cocaina. Giuseppe Caglioti era difeso dagli avvocati Francesco Sabatino e Laura Graziano. Nei suoi confronti il pm aveva chiesto due anni di reclusione e diecimila euro di multa. Già nel novembre del 2018, il Tribunale di Vibo per tale vicenda aveva revocato nei confronti di Giuseppe Caglioti la detenzione domiciliare per mancanza dei gravi indizi di colpevolezza. Giuseppe Caglioti si trova attualmente imputato nel processo nato dall’operazione “Roba di famiglia”. In questo caso, il 13 novembre scorso nei suoi confronti la Procura di Vibo ha chiesto 7 anni di reclusione sempre per reati inerenti agli stupefacenti. La sentenza è attesa per le prossime settimane.

LEGGI ANCHE: Spaccio di droga nel Vibonese: chieste 13 condanne

Informazione pubblicitaria