Incidente di caccia a Maierato, conclusa l’autopsia sulla vittima

I familiari del finanziere colpito dall’amico hanno nominato un consulente di parte che ha affiancato quello della Procura. Si procede per omicidio colposo
I familiari del finanziere colpito dall’amico hanno nominato un consulente di parte che ha affiancato quello della Procura. Si procede per omicidio colposo
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria
Luca Pulsoni, vittima del fatale incidente

Si è conclusa l’autopsia sulla salma di Luca Pulsoni, il sottufficiale della Guardia di finanza di Vibo originario di Camarda (L’Aquila), deceduto nel domenica in seguito ad un tragico incidente di caccia avvenuto nel territorio comunale di Maierato, tra l’altopiano degli Scrisi e il lago Angitola. Dall’esame autoptico, eseguito dal medico legale Katiuscia Bisogni per conto della Procura di Vibo Valentia (pm Lucia Ciro Lo Toro), si è accertato che una pallottola ha colpito il finanziere sotto la clavicola, perforando un polmone e l’arteria succlavia e provocando quindi un’emorragia. Per i familiari era presente all’esame autoptico il consulente di parte Alfonso Luciano. La madre del giovane, Lucia Margani e la compagna, Valentina Farina, sono assistite dall’avvocato Giuseppe Arcuri, mentre il padre Massimo Pulzone ed il fratello della vittima, Lorenzo Pulzone, sono assistiti dall’avvocato Francesco Martingano. Conclusa l’autopsia, sono previsti ulteriori esami di laboratorio. La Procura di Vibo sta procedendo per l’ipotesi di reato di omicidio colposo. L’indagato è Francesco Nacca, 40 anni, che si trovava insieme alla vittima nel corso della battuta di caccia quando avrebbe esploso per errore il colpo fatale verso l’amico.

LEGGI ANCHE: Incidente di caccia a Maierato, c’è un indagato per la morte di Pulsoni

Informazione pubblicitaria