Pistola e munizioni nascoste in un’autodemolizione, tre arresti a Nicotera

Perquisizione dei carabinieri in un’attività delle frazione Preitoni. Ritrovati anche numerosi semi di canapa indiana
Perquisizione dei carabinieri in un’attività delle frazione Preitoni. Ritrovati anche numerosi semi di canapa indiana
Informazione pubblicitaria
Carabinieri
Informazione pubblicitaria

I carabinieri della Stazione di Nicotera, all’esito di una perquisizione eseguita in uno sfasciacarrozze nella frazione Preitoni, hanno tratto in arresto tre persone ritenute responsabili del reato di detenzione illecita di armi e munizioni. Si tratta di Pasquale Desiderato, 48 anni, titolare dell’attività di autodemolizione, del figlio minore di quest’ultimo e di un suo dipendente, Massimo Macrì, 45 anni. I militari dell’Arma, nel corso dell’ispezione, sono stati insospettito dal nervosismo di Macrì che ha cercato di allontanarsi e sbarazzarsi di un sacchetto all’interno del quale era contenuta una pistola calibro 22. Nello stesso luogo sono state ritrovate diverse munizioni. Ad assumersi la responsabilità del possesso del materiale è stato poi il minore. Estesa la perquisizione all’abitazione dei Desiderato, sono stati rinvenuti numerosi semi di canapa indiana. Dichiarati in arresto, all’esito dell’udienza di convalida, il gip ha disposto gli arresti domiciliari per Pasquale Desiderato e Massimo Macrì mentre il minore rimane ristretto nel carcere minorile di Catanzaro in attesa del pronunciamento del giudice.    

Informazione pubblicitaria