Poliambulatorio di Tropea e assenteismo, prosciolti tutti gli imputati

In 17 fra medici e personale amministrativo del distretto sanitario tropeano davanti al gup per truffa e falso
In 17 fra medici e personale amministrativo del distretto sanitario tropeano davanti al gup per truffa e falso
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Non luogo a procedere per 17 fra medici e personale amministrativo in servizio nei locali del distretto sanitario di Tropea dove è ubicato anche il locale Poliambulatorio. E’ quanto deciso dal gup del Tribunale di Vibo Valentia, Marina Russo, in accoglimento di una richiesta in tal senso della Procura di Vibo Valentia. Il procedimento penale era stato aperto per i reati di truffa e falso, mirando a far luce sull’assenteismo nel Poliambulatorio.

Gli indagati – secondo l’originaria impostazione degli inquirenti – erano accusati di essersi allontanati reiteratamente dal posto di lavoro per finalità estranee all’ufficio o al servizio per un lasso di tempo variabile da indagato a indagato. Tale condotta sarebbe stata celata dagli indagati “astenendosi scientemente dal timbrare il cartellino marcatempo in uscita e, conseguentemente, anche al rientro, inducendo in tal modo in errore l’Asp di Vibo Valentia circa l’effettivo svolgimento delle mansioni” cui i medici ed il personale amministrativo era adibito. Tale condotta – ora caduta – avrebbe consentito agli indagati di procurarsi un ingiusto profitto corrispondente alla retribuzione non dovuta che l’Asp ha erogato per importi variabili da indagato a indagato. Gli episodi di assenteismo contestati coprono un arco temporale che va dal dicembre 2013 al gennaio 2014. [Continua dopo la pubblicità]

Informazione pubblicitaria

Il non luogo a procedere è stato deciso dal gup per: Giuseppe De Bella, 68 anni, direttore del distretto sanitario di Tropea; Mercurio De Carlo, 63 anni, medico, residente a Santa Domenica di Ricadi; Diana D’Agostino, 64 anni, dirigente medico, di Tropea; Agostino Mazzitelli, 66 anni, di Drapia, dirigente medico; Beniamino Labate, 66 anni, di Tropea, dirigente medico; Rita Ferraro, 63 anni, di Polistena; Francesco Il Grande, 69 anni, di Tropea; Antonio Vasinton, 61 anni, di Santa Domenica di Ricadi; Antonia Lorenzo, 59 anni, di Santa Domenica di Ricadi; Filippo Angiò, 66 anni, di Tropea; Lorenzo Furchì, 67 anni, di Tropea; Anna Maria Schiariti, 60 anni, di Tropea; Antonio Pugliese, 68 anni, di Tropea; Carmela Gaglioti, 61 anni, di Pizzo Calabro; Giuseppe Galastro, 65 anni, di Tropea; Antonino Mazzitelli, 64 anni, di Zambrone; Carmela Napur, 67 anni, di Tropea.

Nel procedimento penale, l’Asp di Vibo Valentia aveva deciso di costituirsi parte civile con l’avvocato Rossella Ruggiero 

Impegnati nel collegio di difesa gli avvocati: Sabatino Falduto, Sandro D’Agostino, Antonio Porcelli, Giovanni Vecchio, Mario Rizzo, Massimo Pugliese, Francesco Arena, Michele Colace, Roberto Scalfari, Ettore Tigani, Stefano Luciano.