domenica,Settembre 26 2021

Stefanaconi, paese sconvolto dalla tragica scomparsa di Domenico Matina

L’apprezzato parrucchiere, 43 anni, si era da tempo trasferito a Ferrara e gestiva un avviato salone di bellezza ad Occhiobello. La sua improvvisa scomparsa ha lasciato sgomente due comunità

Stefanaconi, paese sconvolto dalla tragica scomparsa di Domenico Matina
Il compianto Domenico Matina

Ha lasciato attonita l’intera comunità di Stefanaconi la tragica notizia della scomparsa di Domenico Matina, 43 anni, parrucchiere, da tempo trasferitosi a Ferrara, dove gestiva un avviato salone di bellezza. Lo stimato professionista stefanaconese è venuto a mancare in circostanze tragiche lunedì scorso e, nella mattinata di oggi, amici e familiari gli hanno reso l’ultimo saluto in una chiesa del quartiere Quacchio di Ferrara. Il 43enne, ricordato con affetto e stima dai suoi concittadini, si era trasferito da molti anni nella città estense, dove risiede anche la sua famiglia, ed aveva avviato una fiorente attività nel vicino comune di Occhiobello, in provincia di Rovigo.

Domenico era rimasto molto legato al suo paese d’origine dove tornava periodicamente per trascorrere qualche giorno di vacanza e per salutare familiari e amici d’infanzia.

Persona affabile, dai modi cortesi, lascia un vuoto incolmabile nella famiglia e in quanti, come noi, hanno avuto il piacere di conoscerlo. A testimoniarlo sono anche le decine di messaggi apparsi su Facebook in questi giorni, tra lo sgomento e l’incredulità di tutti. Un commosso ricordo in versi gli è stato dedicato dal sindaco di Stefanaconi Salvatore Solano che sul social network ha scritto: “E’ il silenzio che mi ha fatto sentire il pianto del mio cuore. Tu ora che sei solo un ricordo che svanisce nell’aria. A te caro amico mio…”.

Domenico è stato ricordato con affetto anche dal sindaco di Occhiobello, Sandra Coizzi, che lo ha descritto come «un bravissimo ragazzo, una persona speciale, gentilissimo, che amava le proprie clienti ed era un vero e proprio artista dei capelli». E, ancora, «Una perla d’uomo. La sua perdita è molto forte anche perché effettivamente il suo salone era frequentatissimo. Oltre al dramma umano c’è anche il dramma delle sue dipendenti che perdono un grande punto di riferimento».

Parole di apprezzamento che non bastano a rendere in pieno l’idea dello spessore umano e professionale e della bontà d’animo del 43enne di Stefanaconi. Ciao Domenico, che la terra ti sia lieve.

top