Inquinamento delle acque marine, divieto di circolazione notturna per gli autospurgo

Il provvedimento adottato dalla Prefettura di Vibo Valentia sulla base dell’ipotesi di un illecito svuotamento dei veicoli nelle ore serali e notturne

Il provvedimento adottato dalla Prefettura di Vibo Valentia sulla base dell’ipotesi di un illecito svuotamento dei veicoli nelle ore serali e notturne

Informazione pubblicitaria

Nel quadro delle iniziative istituzionali a contrasto dei fenomeni di inquinamento delle acque del litorale della provincia di Vibo Valentia, il Prefetto di Vibo Valentia, Guido Nicolò Longo, ha adottato un’ordinanza di divieto di circolazione dei veicoli adibiti allo spurgo di pozzi neri e condotte fognarie in ore serali e notturne.

Il provvedimento si è reso necessario a seguito della constatazione, nell’ambito del confronto interistituzionale avviato sul tema, che una delle possibili cause del fenomeno dell’inquinamento delle acque marine – che ha dato spunto anche per iniziative di movimenti spontanei di cittadini a denuncia del medesimo – potrebbe essere rappresentata dall’illecito svuotamento degli autospurgo in campo aperto nelle ore serali e notturne.

Al fine di prevenire e contrastare tali eventualità, è stato quindi disposto il divieto di circolazione, nell’ambito della provincia di Vibo Valentia, ai veicoli adibiti allo spurgo di pozzi neri o condotte fognarie dalle 19.30 alle ore 6 nel periodo compreso tra il 10 maggio ed il 30 settembre 2017.

Il provvedimento è stato trasmesso, oltre che alla Procura della Repubblica di Vibo Valentia, alle Forze di Polizia, ai Corpi di Polizia Municipale e agli Enti proprietari delle strade perché ne venga assicurata la scrupolosa applicazione.