Migranti, la nave Aquarius in porto a Vibo Marina con 560 persone (FOTO/VIDEO)

A bordo anche sei donne in stato di gravidanza. Riscontrati diversi casi di scabbia ma nessuna altra particolare patologia. Dopo le operazioni di riconoscimento la maggior parte di loro verrà dirottata fuori regione ad eccezione di 90 minori non accompagnati. Lunedì prossimo previsto un nuovo sbarco

A bordo anche sei donne in stato di gravidanza. Riscontrati diversi casi di scabbia ma nessuna altra particolare patologia. Dopo le operazioni di riconoscimento la maggior parte di loro verrà dirottata fuori regione ad eccezione di 90 minori non accompagnati. Lunedì prossimo previsto un nuovo sbarco

Informazione pubblicitaria
La nave "Aquarius" in porto

È approdata puntale, alle 13 di oggi, al porto di Vibo Marina, la nave battente bandiera di Gibilterra “Aquarius” dell’Organizzazione non governativa italo-franco-tedesca “Sos Mediterranee” in partnership con Medici Senza Frontiere con a bordo 560 migranti provenienti dall’Africa Subsahariana e salvati al largo della costa libica nei giorni scorsi.

A bordo del natante, secondo le prime informazioni raccolta sulla banchina dello scalo vibonese, numerose donne, di cui 6 in stato di gravidanza (una di loro con la scabbia), ma anche 90 minori non accompagnati e 6 bambini al di sotto dei 6 anni.

Le autorità sanitarie intervenute sul posto nell’ambito del dispositivo di accoglienza dispiegato, come di consueto, dalla Prefettura di Vibo Valentia, segnalano la presenza di diversi casi di scabbia ma nessuna altra particolare patologia. Si attende la conclusione delle operazioni di sbarco per avere un quadro completo di quello che rappresenta l’ennesimo sbarco nel porto di Vibo Marina, il secondo nel solo mese di maggio.

Dopo le consuete operazioni di riconoscimento i migranti verranno avviati verso le rispettive destinazioni individuate dal ministero dell’Interno, eccezion fatta per i minori non accompagnati che resteranno nei centri deputati all’accoglienza sparsi sul territorio provinciale. Infine, è atteso per lunedì 22 maggio un ulteriore sbarco che interesserà nuovamente il porto di Vibo Marina.