Un lenzuolo bianco per Lorena, Dasà omaggia la giovane uccisa nel Messinese

Il paese d’origine dell’autore del femminicidio della studentessa di medicina, ha voluto associarsi al cordoglio per la sua scomparsa
Il paese d’origine dell’autore del femminicidio della studentessa di medicina, ha voluto associarsi al cordoglio per la sua scomparsa
Informazione pubblicitaria
Lenzuolo bianco al Comune di Dasà
Informazione pubblicitaria

Oggi a Favara l’ultimo saluto a Lorena Quaranta, la studentessa ventisettenne uccisa quattro giorni fa da Antonio De Pace, il suo compagno, originario di Dasà. Per manifestare vicinanza alla comunità colpita, anche il Comune delle Preserre vibonesi, stamattina ha esposto sul suo balcone un lenzuolo bianco.

Nei giorni scorsi il sindaco Raffaele Scaturchio, attraverso una telefonata al sindaco di Favara aveva, a nome della comunità dasaese, espresso le più sentite condoglianze alla famiglia di Lorena e all’intera cittadina. Scaturchio aveva inoltre espresso il pensiero del parroco di Dasà don Bernardino Comerci il quale invitava a “pregare per le due famiglie devastate dall’accaduto. Quella di Lorena e quella di Antonio”.

Femminicidio a Messina, vibonese resta in carcere

Il Comune ha voluto manifestare così la sua vicinanza esponendo come a Favara un lenzuolo bianco. Inoltre dal suo profilo social, il comune di Dasà ha diffuso un omaggio che recita: “Ciao Lorena, Dasà ti saluta” corredata da quattro immagini della ragazza e l’hashtag #iosonolorena.

Omicidio di Lorena Quaranta, De Pace fa scena muta davanti al gip

Informazione pubblicitaria