sabato,Novembre 27 2021

Controlli di polizia nelle Preserre, denunciate quattro persone

Detenzione abusiva di munizioni, inosservanza degli obblighi di sorveglianza speciale e resistenza a pubblico ufficiale, le accuse a vario titolo formulate. Tra i denunciati anche la madre di un pregiudicato.

Controlli di polizia nelle Preserre, denunciate quattro persone

Con il riaccendersi dei gravi episodi criminali nella zona delle Serre vibonesi, proseguono con maggior impulso i controlli operati dalla Polizia di Stato attraverso un’azione tesa a garantire la maggior presenza possibile delle istituzioni, tramite una serie di servizi straordinari di controllo del territorio, in supporto dell’attività di polizia giudiziaria.

Nella serata di lunedì, in particolare, il personale della Squadra mobile, guidato dal dirigente Tito Cicero, con l’ausilio della Squadra di Polizia giudiziaria e della Volante del commissariato di Serra San Bruno, ha proceduto al fermo e all’ispezione di 29 veicoli, identificando 44 persone e provvedendo altresì al controllo di tutti i soggetti della zona sottoposti agli arresti domiciliari, a misure di prevenzione o fruenti di benefici processuali.

In particolare, nel comune di Soriano, è stata oggetto di controllo un’autovettura a bordo della quale si trovavano tre soggetti pregiudicati, di cui due sottoposti ad avviso orale ed uno alla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con l’obbligo di soggiorno, intenti a colloquiare con un’altra persona, anch’essa sottoposta a sorveglianza speciale, e ad altri due avvisati di pubblica sicurezza.

A seguito delle perquisizioni personali – che, però, hanno dato esito negativo – i due sottoposti a sorveglianza speciale, avendo violato le prescrizioni imposte nei loro confronti, sono stati condotti presso l’ufficio di Polizia di Stato, al fine di procedere ad ulteriori incombenze di carattere giudiziario. Nella circostanza, entrambi hanno assunto un atteggiamento arrogante e minaccioso, rifiutandosi di ottemperare all’invito, mentre uno dei due – contando sull’aiuto di uno dei presenti – è riuscito ad allontanarsi dal posto. Lo stesso, però, successivamente, accompagnato dal proprio avvocato, si è presentato spontaneamente alla Stazione carabinieri di Soriano.

In virtù, inoltre, degli ultimi cruenti episodi avvenuti tra il territorio di Soriano Calabro e quello di Gerocarne – ed avuto riguardo ai precedenti specifici in materia di armi di cui erano gravati tutti i soggetti controllati – gli agenti della Squadra Mobile e del commissariato di Serra San Bruno hanno proceduto alle perquisizioni presso i domicili degli interessati, rivenendo presso l’abitazione di uno di essi ben 75 cartucce calibro 12, alcune delle quali caricate a pallettoni. Per questo motivo, è scattata la denuncia a piede libero con l’accusa di detenzione abusiva di munizioni per C. M., classe ’61, madre convivente del pregiudicato, la quale deteneva la chiave dell’armadietto metallico che le conteneva.

Sono stati altresì denunciati E.G, classe ’88, ed M.F., classe ’88, per inosservanza degli obblighi della sorveglianza speciale e per resistenza a pubblico ufficiale, nonché G. A., classe ’84, per resistenza a pubblico ufficiale e favoreggiamento personale, avendo quest’ultimo favorito la fuga del primo.

Articoli correlati

top