Fratelli Mirabello uccisi con un fucile e un corpo contundente

Conclusa l’autopsia sui due vibonesi scomparsi in Sardegna e ritrovati sabato dopo la confessione del vicino di podere
Conclusa l’autopsia sui due vibonesi scomparsi in Sardegna e ritrovati sabato dopo la confessione del vicino di podere
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria
Joselito Marras

Uno ucciso con un colpo di fucile al volto, il secondo colpito alla testa con un oggetto contundente, forse il calcio della stessa arma. È quanto trapela dall’autopsia sui due fratelli di San Gregorio d’Ippona, Massimiliano e Davide Mirabello, di 35 e 40 anni, scomparsi da Dolianova, sud Sardegna, il 9 febbraio scorso e i cui corpi sono stati ritrovati sabato scorso dopo la confessione di Joselito Marras, il vicino di podere 57enne arrestato il 20 marzo insieme al figlio Michael, di 27 anni, quali responsabili del duplice delitto.
L’esame autoptico, condotto dal medico legale Roberto Demontis, è durato quasi sette ore. Agli accertamenti hanno partecipato anche i consulenti del collegio difensivo composto dagli avvocati Maria Grazia Monni, Patrizio Rovelli e Fabrizio Rubiu. L’autopsia, secondo quando dichiarato dai legali di Joselito Marras, ha confermato integralmente la ricostruzione dei fatti contenuta nell’interrogatorio dell’arrestato. (Ansa)

LEGGI ANCHE: Omicidio dei fratelli Mirabello, Marras confessa e fa ritrovare i corpi – Video

Informazione pubblicitaria

Fratelli scomparsi in Sardegna, ritrovati i corpi di Davide e Massimiliano Mirabello – Foto