Serra San Bruno: arrestato dalla polizia il figlio del boss Vallelunga

Accusato di aver sferrato un pugno ad un poliziotto. Gli agenti del Commissariato stavano tentando di disinnescare due ordigni esplosivi

Accusato di aver sferrato un pugno ad un poliziotto. Gli agenti del Commissariato stavano tentando di disinnescare due ordigni esplosivi

Informazione pubblicitaria

Oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale. Con queste accuse i poliziotti del Commissariato di Serra San Bruno hanno tratto in arresto Graziano Vallelunga, 20 anni, del luogo, figlio del boss Damiano Vallelunga, il capo del clan dei “Viperari” ucciso il 27 settembre 2009 al santuario di Riace. Graziano Vallelunga è accusato di aver scagliato un pungo contro un poliziotto cercando poi di darsi inutilmente alla fuga. I poliziotti stavano tentando di rendere inoffensivi due ordigni esplosivi rinvenuti in un fabbricato di via Carlo Pisacane, nel Quartiere Spinetto di Serra San Bruno, già di proprietà di Damiano Vallelunga e poi oggetto di confisca.