Nuovo furto d’armi ad Acquaro, è il secondo in meno di 48 ore

Sottratti tre fucili custoditi in un’abitazione di località Romano nella frazione Piani. Il giorno prima ne erano stati rubati altri cinque ad un imprenditore in pensione.

Sottratti tre fucili custoditi in un’abitazione di località Romano nella frazione Piani. Il giorno prima ne erano stati rubati altri cinque ad un imprenditore in pensione.

Informazione pubblicitaria

Un nuovo furto di armi, il secondo in due giorni, si registra nella zona delle Preserre vibonesi. In particolare gli episodi si concentrano nella zona della frazione Piani di Acquaro dove, tra mercoledì e giovedì, sono strati sottratti ai legittimi proprietari ben otto fucili. Nel primo caso, i malviventi sono entrati in azione mercoledì nell’abitazione di un imprenditore in pensione, A. C., rubando cinque fucili (due automatici e tre calibro 12) nonché oggetti preziosi in oro per un valore che si attesterebbe intorno ai 15mila euro.

Informazione pubblicitaria

Il secondo episodio ha interessato, giovedì, in località Romano, l’abitazione di una vedova 43enne, M. A., approfittando della cui assenza i ladri hanno asportato un fucile calibro 20 e due calibro 12, forzando l’armadietto metallico al cui interno erano custodite le armi. Due episodi che destano aperta preoccupazione in virtù del riaccendersi della faida delle Preserre e del doppio agguato teso ad esponenti della famiglia Loielo nelle scorse settimane, e che mettono più che mai in allerta le forze dell’ordine impegnate nel difficile compito di presidiare un territorio tanto vasto e quanto complesso.