Vibo, l’appello di una vittima di stalking al procuratore Giordano (VIDEO)

Più di quaranta denunce presentate in ormai tre anni. Così una donna vibonese prova a spezzare un incubo senza fine: «Intervenite prima che sia troppo tardi»

Più di quaranta denunce presentate in ormai tre anni. Così una donna vibonese prova a spezzare un incubo senza fine: «Intervenite prima che sia troppo tardi»

Informazione pubblicitaria
Il disperato appello di una vittima di stalking

Volto coperto e voce alterata, a sua tutela e a tutela dei figli minori. Non vuole essere l’ennesima vittima in nel Paese che ha creato il neologismo “femminicidio”.

Un incubo che dura tre anni. «E’ tre anni che vivo in un incubo – racconta alla redazione di LaC News24 -. Fatto di minacce, di inseguimenti. Temo per la mia vita e per quella delle persone che amo. Ho fatto più di quaranta denunce. Mi rivolgo a voi per rivolgere un appello al procuratore di Vibo Bruno Giordano, ai carabinieri e alla polizia: intervenite prima che sia troppo tardi. Voglio solo riappropriarmi della mia vita, una vita che non ho più».

“La fiducia nelle istituzioni non sia tradita”. L’incubo dello stalking. L’ombra di un pericolo sempre in agguato che l’accompagna ogni giorno, tutti i giorni. Che accompagna sì, lei ma anche tutti coloro che, a partire dai suoi bambini, fanno parte del suo mondo. E’ un appello accorato, ma lucido, quello che questa donna rivolge alle istituzioni. Le stesse nelle quali ha creduto e dalle quali spera di non essere tradita. Spera che intervengano, prima che sia troppo tardi.

Vibo, “Io vittima di stalking dico: donne denunciate”

La lettera alla redazione. Un appello che si accompagna ad una lettera, quella consegnata alla redazione di LaC News24, rivolta a tutte le donne che vivono la medesima condizione. «Sono qui per parlare di tutte le donne che sono tartassate, umiliate, offese, violentate, dai loro compagni o dagli uomini che un tempo dicevano di amarle. Violenti, ipocriti, vigliacchi, che minacciano, perseguitano, non lasciano vivere. Uccidono. Non abbiate paura di denunciare. Denunciate. Ma lo Stato deve dare delle risposte a chi in esso ha riposto la sua fiducia e da esso chiedere di essere aiutata. E io oggi chiedo aiuto, l’ho chiesto, continuo a chiederlo, il mio appello resti inascoltato».

LEGGI ANCHE:

“Questo non è amore”, la campagna anti-violenza della Polizia ha fatto tappa a Vibo (VIDEO)

Stalking e minacce all’ex compagna, un arresto a Pizzo

Denunciato per stalking, il gip dispone il divieto di avvicinamento