Vendite giudiziarie, il Tribunale di Vibo mette all’asta “Il Mocambo” di Pizzo

La nota struttura ricettiva era finita nei giorni scorsi al centro di una verifica dei carabinieri e del Nas che avevano riscontrato una serie di irregolarità in materia di personale e rispetto delle norme igienico-sanitarie

La nota struttura ricettiva era finita nei giorni scorsi al centro di una verifica dei carabinieri e del Nas che avevano riscontrato una serie di irregolarità in materia di personale e rispetto delle norme igienico-sanitarie

Informazione pubblicitaria
Il Mocambo di Pizzo

Il Tribunale di Vibo Valentia, Sezione vendite giudiziarie (giudice Valentina Di Leo), ha messo all’asta l’immobile che ospita la nota struttura turistico-alberghiera “Il Mocambo” di Pizzo. Il locale, come si ricorderà, era finito nei giorni scorsi al centro di una verifica operata dai carabinieri e dal Nas che avevano riscontrato al suo interno la presenza di 22 lavoratori irregolari su 27 e una serie di anomalie dal punto di vista igienico-sanitario e dello smaltimento dei reflui fognari, comminando alla società di gestione una sanzione di circa 131mila euro e disponendo, inoltre, la sospensione dell’attività.

Ora, il tribunale vibonese, essendo l’immobile assoggettato a procedura fallimentare, ha messo in vendita l’intero complesso composto da un seminterrato destinato a deposito di 300 mq; da un piano terra suddiviso in tre ampie zone, di cui la prima destinata a ristorante di circa 415 mq con vista panoramica, la seconda zona destinata a cucina di 140 mq e la terza zona destinata a servizi igienici di 35 mq; da un primo piano con accesso dall’esterno della struttura, adibito a “casa-albergo” a sua volta composta di quattro camere con bagno oltre 2 ripostigli e una piccola reception e due uffici, il tutto per una superficie di 170 mq circa; da un secondo piano adibito anch’esso a “casa-albergo” e composto da due suite con terrazzini di 80 mq circa.

Ancora, in vendita anche un secondo corpo costituito da un locale tecnico per il ricovero della strumentazione necessaria al funzionamento della piscina, di 50 mq circa; un deposito attrezzi di antica realizzazione; un locale adibito a servizi igienici di 57 mq; una tettoia in legno lamellare utilizzata come area attrezzata per la somministrazione degli aperitivi di 210 mq circa.

Il prezzo fissato a base d’asta è di 910mila più Iva e spese di trasferimento. Le offerte in aumento non devono essere inferiori al 3 per cento del prezzo posto a base della gara. La vendita senza incanto è prevista per il 12 settembre alle ore 16 nello studio del curatore fallimentare, avvocato Eleonora Greco, in via Vittorio Veneto a Vibo con apertura delle buste fissata per le ore 16. Il termine per la presentazione delle offerte è invece fissato entro le ore 12 del giorno precedente la vendita.

L’attività del ristorante “Il Mocambo”, fa sapere la società di gestione, proseguirà comunque regolarmente e le commesse già concordate saranno rispettate. 

LEGGI ANCHE:

Carenze igienico-sanitarie e lavoratori irregolari, chiuso ristorante a Pizzo

Carenze sanitarie e lavoratori irregolari: chiuso il “Mocambo” a Pizzo

Pizzo, vasto incendio minaccia diverse abitazioni e un ristorante