Coltivazione di marijuana a Vibo-Pizzo, in due lasciano i domiciliari

Obbligo di dimora per due indagati dopo la scoperta di 100 piante di canapa indiana
Obbligo di dimora per due indagati dopo la scoperta di 100 piante di canapa indiana
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Lasciano gli arresti domiciliari per l’obbligo di dimora Michele Fazio, 35 anni, di Vibo Marina e Nazzareno Scannadinari, 20 anni, parente di Fazio. E’ quanto deciso dal Tribunale del Riesame di Catanzaro in accoglimento di un’istanza presentata dall’avvocato Francesco Lione. I due erano stati arrestati il 2 giugno per la detenzione di 100 piante di marijuana nell’ambito di un’attività condotta dal reparto Prevenzione crimine della Polizia di Vibo Valentia, unitamente alla Squadra volante.

Entrambi sono stati sorpresi mentre uscivano da un fondo risultato nella loro disponibilità – nei pressi della Stazione di Vibo-Pizzo, nel quale erano coltivate un centinaio di piantine di cannabis indica. La successiva perquisizione, effettuata nell’abitazione dei congiunti, ha permesso alla polizia di rinvenire anche una spada katana illecitamente detenuta. L’arma e le piante di canapa erano state sequestrate.

Informazione pubblicitaria