Intimidazione a Pizzo: bottiglia con benzina e proiettili per un’impresa

Nel mirino la ditta che sta effettuando in località Piedigrotta i lavori alla rete fognaria. In precedenza è stato rubato un furgone
Nel mirino la ditta che sta effettuando in località Piedigrotta i lavori alla rete fognaria. In precedenza è stato rubato un furgone
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Una bottiglia con benzina e due proiettili sono stati rinvenuti in un cantiere nei pressi di località Piedigrotta a Pizzo da alcuni operai di dell’impresa edile “Franco Martino” con sede ad Arena. I proiettili erano attaccati con del nastro adesivo. Nelle scorse settimane, alla stessa impresa – che sta realizzando dei lavori sulla rete fognaria del Comune di Pizzo – è stato rubato un furgone. Su quella che appare come un’intimidazione hanno avviato indagini i carabinieri della locale Stazione guidati dal comandante Marco Failla. Nonostante gli arresti delle operazioni antimafia “Rinascita-Scott” e “Imponimento”, il racket delle estorsioni non abbassa la guardia nel territorio di Pizzo Calabro, con il paese – come raccontato da diversi collaboratori di giustizia – che continua ad essere diviso fra diversi clan.

LEGGI ANCHE: ‘Ndrangheta: gli affari del clan Anello nel racconto dei collaboratori Mancuso ed Arena

‘Ndrangheta: Mantella sul clan Anello, dalle “lupare bianche” agli imprenditori nel mirino

Informazione pubblicitaria