Coronavirus, la Regione Calabria chiude tutte le discoteche

Nuova ordinanza del presidente Jole Santelli dopo il caso Soverato e la decisione del sindaco di chiudere tutti i locali del centro ionico
Nuova ordinanza del presidente Jole Santelli dopo il caso Soverato e la decisione del sindaco di chiudere tutti i locali del centro ionico
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Il presidente della Regione  Calabria Jole Santelli, ha firmato la nuova ordinanza, la numero 61 che dispone la chiusura delle discoteche: «Ai fini del contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2/COVID-19 – si legge nel provvedimento – sono sospese le attività che abbiano luogo in sale da ballo, discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso, destinati all’intrattenimento (con particolare a quello serale e notturno), nei lidi balneari».

Una decisione che giunge dopo la conferenza Stato-Regioni di ieri sera e il caso di un giovane di Girifalco che ha annunciato di essere risultato positivo al coronavirus sui social e di aver frequentato due discoteche di Soverato. Lo stesso comune guidato da Ernesto Alecci aveva già emanato nella tarda serata di ieri un’ordinanza che prevedeva la chiusura di tutti i locali di intrattenimento musicale. Sulla stessa scia anche Sergio Abramo che in mattinata con un apposito provvedimento ha chiuso non solo le attività di intrattenimento musicale e danzante ma anche le aree giochi e la zona pedonale di via Nicea nel quartiere Lido di Catanzaro.

«Abbiamo provato a portare anche le nostre raccomandazioni ai giovani che abbassando la guardia si mettono a rischio contagio nei luoghi di svago. Ieri – ha dichiarato l’assessore Orsomarso – ho partecipato alla conferenza Stato Regioni in rappresentanza della Calabria dove insieme agli altri governatori e assessori regionali si è discusso con i Ministri Boccia, Speranza e Patuanelli sia dei rientro dei circa 300 mila italiani da Grecia, Spagna, Croazia e Malta e degli assembramenti nelle sale da ballo. Ho chiesto al Ministro Speranza di avere una linea nazionale al di là’ delle ragioni economiche degli operatori che avevano incontrato già il ministro Patuanelli».

Quindi ha aggiunto: «Avevamo detto anche agli esercenti calabresi che avremmo tenuto sotto controllo i dati epidemiologici ancora sotto controllo e che non vorremmo subissero una impennata. Dopo i casi di alcune nostre città avendo prima di tutto la responsabilità della salute dei calabresi e dei nostri ospiti stiamo predisponendo ordinanza che chiude tutte le discoteche della Calabria anticipando quella del governo nazionale. Il ministro Patuanelli – ha concluso – ci ha fornito i dati relativi al comparto economico e sta valutando una misura nazionale per ristoro delle perdite degli operatori economici che occupano circa 40.000 persone in tutta Italia».

Informazione pubblicitaria