Maltrattamenti, divieto di avvicinamento ai familiari per 31enne di Vibo Marina

Il giovane è comparso stamane dinanzi al gip del locale Tribunale ed ha risposto alle domande del giudice
Il giovane è comparso stamane dinanzi al gip del locale Tribunale ed ha risposto alle domande del giudice
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla madre e dalla sorella. Questa la misura disposta dal gip del Tribunale di Vibo Valentia, Marina Russo, nei confronti di C.L., 31 anni, di Vibo Marina accusato di maltrattamenti in famiglia. Nel corso dell’interrogatorio di garanzia dinanzi al gip, il 31enne – assistito dall’avvocato Santo Cortese – si è dichiarato pentito dell’accaduto, spiegando che l’accaduto era scaturito dall’abbandono della terapia a cui era sottoposto a seguito di Trattamento sanitario obbligatorio. Il giovane ha altresì negato di aver picchiato la madre e la sorella.

Informazione pubblicitaria