Rinascita-Scott, la Provincia di Vibo sarà parte civile nel processo

Il presidente Salvatore Solano, «nell’interesse dei cittadini vibonesi», ha dato mandato all’avvocato dell’Ente di avanzare richiesta al giudice per l’udienza preliminare
Il presidente Salvatore Solano, «nell’interesse dei cittadini vibonesi», ha dato mandato all’avvocato dell’Ente di avanzare richiesta al giudice per l’udienza preliminare
Informazione pubblicitaria
Il presidente della Provincia Salvatore Solano
Il presidente della Provincia Salvatore Solano

La Provincia di Vibo Valentia, attraverso un’apposita deliberazione del presidente Salvatore Solano, ha dato mandato all’avvocato, Maria Rosa Pisani, responsabile dell’Avvocatura dell’Ente, di avanzare al giudice per l’udienza preliminare la richiesta di costituzione di parte civile nel procedimento penale “Rinascita-Scott”. Pertanto, all’udienza preliminare, fissata per il prossimo 11 di settembre a Roma, a tutelare gli interessi della Provincia di Vibo ci sarà l’avvocato dell’Ente. «La costituzione di parte civile nel processo “Rinascita Scott” non vuole essere un atto dovuto ma è una decisione fortemente sentita – ha affermato il presidente Solano -. Il ripristino della legalità passa anche dalla capacita di scegliere da quale parte stare in un momento storico dove la collusione e il malaffare hanno, purtroppo, contaminato sia le istituzioni che la società. Con questo atto affianchiamo e sosteniamo, quindi, per quanto di nostra pertinenza istituzionale, la pubblica accusa. Lo facciamo nell’interesse dei cittadini del Vibonese, poiché – ha sottolineato il presidente della Provincia di Vibo – riteniamo che il ripristino della legalità sul territorio sia la condicio sine qua non per ogni azione politica e amministrativa che miri alla crescita, allo sviluppo e all’emancipazione della nostra realtà provinciale».