Latitanza di Domenico Bonavota, torna in libertà 23enne di Sant’Onofrio

E’ accusato di aver favorito l’irreperibilità dell’esponente dell’omonimo clan
E’ accusato di aver favorito l’irreperibilità dell’esponente dell’omonimo clan
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Il Tribunale del Riesame di Catanzaro ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Antonino Ruggiero, di 23 anni, di Samt’Onofrio trovato dai carabinieri il 6 agosto scorso in compagnia del latitante Domenica Bonavota, quest’ultimo sfuggito al blitz dell’operazione Rinascita-Scott e coinvolto anche nell’operazione antimafia denominata “Conquista”. Il Riesame ha accolto il ricorso degli avvocati Giosuè Monardo e Sergio Rotundo rivelando l’assenza di gravità indiziaria. Nei confronti di Antonino Ruggiero viene contestata l’accusa di favoreggiamento personale di latitante, aggravato dalle finalità mafiose. Domenico Bonavota era stato sorpreso in un’abitazione di Sant’Onofrio.

Informazione pubblicitaria