Sparatoria a Coccorino, restano in carcere i due indagati

Il gip di Vibo non convalida il fermo ma dispone la custodia cautelare sussistendo il pericolo di reiterazione del reato
Il gip di Vibo non convalida il fermo ma dispone la custodia cautelare sussistendo il pericolo di reiterazione del reato
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Informazione pubblicitaria

Il gip del Tribunale di Vibo Valentia, Mario Miele, non ha convalidato il fermo di Giacomo Iamundo e Roberto Rocco, 58 e 46 anni, entrambi di Joppolo, accusati, il primo, di aver fatto fuoco contro un 17enne del luogo a seguito di un alterco avvenuto in un bar, indirizzandogli contro tre colpi di pistola da distanza ravvicinata senza colpirlo; il secondo di aver fornito l’arma – una pistola semiautomatica Beretta 7,65 – utilizzata per compiere il tentato omicidio. Lo stesso gip ha contestualmente deciso l’applicazione della misura della custodia cautelare in carcere a carico dei due, sussistendo il pericolo concreto di reiterazione del reato. Iamundo e Rocco sono difesi dagli avvocati Sandro D’Agostino e Vincenzo Gennaro.