Tropea: convalida arresto e scarcerazione per Muscia

Il Tribunale di Vibo non ravvisa esigenze cautelari. Il processo per violazione della misura di prevenzione aggiornato a marzo

Il Tribunale di Vibo non ravvisa esigenze cautelari. Il processo per violazione della misura di prevenzione aggiornato a marzo

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Convalidato dal giudice del Tribunale di Vibo Valentia, Vincenza Papagno, l’arresto operato sabato dai carabinieri nei confronti di Gaetano Muscia, 53 anni, di Tropea, a cui viene contestata la violazione della misura di prevenzione. La Procura aveva chiesto per Muscia l’obblogo di firma giornaliero, richiesta tuttavia rigettata dal giudice. A Muscia viene contestato un ritardo nell’apposizione della firma alla polzia giudiziaria nel mese di marzo e quindi di essere stato trovato, all’atto di un controllo, senza il decreto impositivo della misura di prevenzione. Gaetano Muscia è difeso dagli avvocati Giuseppe Di Renzo e Mario Bagnato. Il processo è stato aggiornato al 5 marzo prossimo.

Informazione pubblicitaria

Gaetano Muscia è stato condannato a 7 anni di reclusione per usura ed estorsione al termine del processo “Black money” celebrato in primo grado dinanzi al Tribunale collegiale di Vibo Valentia. Sabato era stato sorpreso sabato dai militari dell’Arma a Tropea in compagnia di Agostino Papaianni, 66 anni, di Coccorino di Joppolo, altro soggetto condannato a 7 anni e 8 mesi nel processo “Black money”.

‘Ndrangheta: “Black money”, il pm presenta appello per 7 imputati

‘Ndrangheta: “Black money”, ecco i motivi della sentenza contro il clan Mancuso

‘Ndrangheta, sentenza “Black money” sul clan Mancuso: “Vuoto probatorio”