domenica,Giugno 20 2021

Lo scippo al pub di Vibo Marina, dopo gli arresti parla la vittima

VIDEO - La testimonianza diretta di ciò che accadde la sera del 20 settembre, dopo l'indagine della Polizia che ha arrestato gli autori dell'azione criminale

Lo scippo al pub di Vibo Marina, dopo gli arresti parla la vittima

Era seduta sullo scalino esterno del pub, che gestisce, in un momento di pausa dal lavoro. Aida stava chiacchierando con la sua collega. La borsa accanto. Quell’uomo col cappellino e la mascherina non l’aveva affatto insospettita: «Pensavo fosse un cliente – racconta -. Mi sono persino scostata un po’ per farlo passare». Ed è stato in quel momento che con scatto fulmineo l’uomo ha agguantato la borsa ed è fuggito. Qualche attimo di smarrimento e poi la corsa per fermarlo. [Continua]

È la sera del 20 settembre. Sono da poco passate le 20.30. Le telecamere di videosorveglianza piazzate davanti all’Ormeggio di Vibo Marina riprendono il balordo che arriva a bordo di un’auto. Sembrano le scene di un action movie, invece è vita reale. Il fratello di Aida, Mino, è seduto al tavolino insieme a un suo amico, Paolo, militare della Guardia costiera. C’è la partita della Juve in tv. Tutti gli sguardi sono rivolti allo schermo.

All’improvviso le urla della sorella: «Al ladro!». E lui, Mino, si lancia audacemente all’inseguimento. Si aggrappa alla Smart del complice. Il balordo fugge a piedi e gli punta una pistola contro. «Quando mi sono accorto che l’uomo brandiva un’arma  – racconta Paolo Fedele – ho messo in guardia il mio amico». «Quando ho visto la pistola (si scoprirà poi essere un’arma giocattolo, ndr) ho avuto paura», ammette Mino.  

«Abbiamo corso un grosso rischio quella sera. Non ce l’aspettavamo un’azione del genere – commenta Aida -, Vibo Marina è un paese tranquillo».

Lo scippatore verrà arrestato dalla Polizia il successivo 9 ottobre. Aveva una mascherina chirurgica, ma è stato subito identificato proprio grazie a queste immagini. È un pregiudicato di San Gregorio d’Ippona: si chiama PaoloPagano.  Preso anche il suo complice, GiovanniCupo.

«Il peggio è passato», dice Aida che ringrazia la polizia per avere assicurato  alla giustizia gli  autori del reato. «Le forze dell’ordine da sole non bastano – commenta il militare -. Bisogna che la società civile abbia uno scatto d’orgoglio. Bisogna ribellarsi allo strapotere mafioso. Bisogna – conclude Fedele – estirpare la malapianta da questo bellissimo territorio».

top