Morte Jole Santelli, bandiere a mezz’asta e lutto cittadino a Cosenza e Reggio

Un minuto di silenzio alla Camera per ricordare il presidente della Regione Calabria deceduto questa notte. I funerali domani nel capoluogo bruzio
Un minuto di silenzio alla Camera per ricordare il presidente della Regione Calabria deceduto questa notte. I funerali domani nel capoluogo bruzio
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«In questo momento siamo tutti molto scossi». Tradisce l’emozione, la voce di Roberto Fico nell’esprimere «la vicinanza di quest’Assemblea alla famiglia di Jole Santelli», quando il presidente della Camera chiede il minuto di silenzio in Aula alla Camera in omaggio alla scomparsa presidente della Regione Calabria. «Purtroppo è notizia di poco fa», comunica Fico nel ricordare che «Santelli da tempo lottava contro una terribile malattia». È sempre Fico, in apertura di seduta, ad annunciare che «la settimana prossima faremo qui in Aula la commemorazione». Poi l’applauso dell’emiciclo al termine del minuto di raccoglimento.

Informazione pubblicitaria

Lutto cittadino a Cosenza e Reggio Calabria

«La città di Cosenza è stata svegliata questa mattina da una terribile notizia: l’amica Jole Santelli, presidente della Giunta regionale della Calabria, non è più. Siamo attoniti di fronte ad un evento così triste che ci lascia addolorati e senza parole. E’ difficile riordinare i pensieri in questo momento nel quale a prevalere sono i sentimenti del dolore e della costernazione». Così il sindaco Mario Occhiuto ha commentato la scomparsa della Presidente della Giunta regionale Jole Santelli. «Jole – ha aggiunto Occhiuto – era prima d’ogni cosa un’amica alla quale ero legato da rapporti profondi. Avevo voluto a tutti i costi, nonostante i suoi molteplici impegni a Roma, averla con me in Giunta nella quale è stata anche con la carica di vicesindaco e di assessore alla Cultura e agli eventi, alla promozione e valorizzazione del Centro storico e alle relazioni istituzionali con l’Unione Europea. Negli anni in cui è stata al mio fianco, alla guida della città, ha dato un forte impulso alla crescita e allo sviluppo di Cosenza, soprattutto per ciò che attiene le attività culturali che si sono moltiplicate, mettendosi al servizio della comunità con grande impegno e sacrificio. Jole è stata – preferisco dire è – una donna tenace, volitiva, una grande combattente, con enormi qualità umane e con grandissime doti politiche. D’altra parte i numerosi incarichi di governo e la sua intensa attività di parlamentare lo testimoniano ampiamente. Qualità dimostrate anche da Presidente della Regione Calabria. Non si è risparmiata fino all’ultimo perché amava il suo lavoro, nel quale ha profuso tutte le sue inesauribili energie. Jole mancherà a tutti, a noi che le abbiamo voluto bene, a tutti i colleghi della Giunta che si uniscono al mio dolore, alla città di Cosenza e ai cosentini, all’Italia». Il sindaco Mario Occhiuto ha inviato un messaggio di cordoglio a tutti i familiari di Jole Santelli con un pensiero particolare alle sorelle Roberta e Paola. Il primo cittadino ha proclamato una giornata di lutto cittadino e ha disposto che su Piazza dei Bruzi, dal Palazzo di città, siano esposte le bandiere a mezz’asta.

Analoga decisione è stata annunciata dal sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà. «È un giorno triste per la nostra Regione – ha scritto in un post -, la scomparsa della presidente Santelli mi addolora profondamente. Ci siamo scontrati spesso in questi mesi, nel pieno rispetto dei ruoli, ma questo è il momento di stringerci intorno alla famiglia e rispettarne il dolore. Reggio Calabria osserverà il lutto cittadino per la giornata delle esequie. Buon viaggio presidente, ti sia lieve la terra».

I funerali di Jole Santelli a Cosenza

I funerali della presidente Jole Santelli si svolgeranno domani pomeriggio alle 16.30 nella chiesa di San Nicola a Cosenza in forma strettamente privata. La salma verrà trasportata poi alla Cittadella regionale dove sabato mattina dalle ore 9 verrà allestita la camera ardente con la benedizione del vescovo di Catanzaro Vincenzo Bertolone.