Furti e ricettazione, il Riesame revoca i domiciliari a due tropeani

Sono coinvolti nell’operazione “Apate” dei carabinieri e della Procura di Vibo Valentia
Sono coinvolti nell’operazione “Apate” dei carabinieri e della Procura di Vibo Valentia
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria
Gerardo Accorinti

Lascia i domiciliari e torna in libertà Gerardo Accorinti, 36 anni, di Tropea, mentre dai domiciliari passa all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria Francesco De Benedetto, 35 anni, pure lui di Tropea. Questa la decisione del Tribunale del Riesame che, accogliendo le argomentazioni prospettate dall’avvocato Sandro D’Agostino, ha escluso per entrambi la partecipazione ad un’associazione a delinquere finalizzata al furto e al riciclaggio di auto da parte di Gerardo Accorinti e Francesco De Benedetto, quest’ultimo accusato anche di truffa ai danni dell’assicurazione. Entrambi erano stati arrestati il 5 ottobre scorso nell’ambito dell’operazione “Apate” dei carabinieri con il coordinamento della Procura di Vibo Valentia.

Gerardo Accorinti, Daniela La Rosa (moglie di Gerardo Accorinti), Francesco Pititto e Francesco Mazzitelli sono accusati di concorso in ricettazione per aver alterato il 26 ottobre 2018 il colore della carrozzeria di un auto, alterato il numero di telaio e del motore, sostituito i vetri di una Fiat Panda (trasformata in 4X4) di provenienza furtiva di proprietà di un cittadino straniero. Fatto accertato a San Calogero.

Francesco De Benedetto, Filippo Saragò, Francesco Pititto e Giovanni Di Bartolo sono invece accusati di riciclaggio di una Fiat Punto di provenienza furtiva e in precedenza noleggiata da una cittadina straniera a Tropea nel settembre 2018. All’auto è stato punzonato il numero del telaio e sostituite le targhe. Fatto accertato a Joppolo il 30 maggio 2019.

Tentata truffa e simulazione di reato sono poi le contestazioni mosse in concorso a Francesco de Benedetto e Silvana Zaccaro per aver falsamente denunciato ai carabinieri di Tropea il furto di un’Audi A4 per indurre in errore la compagnia assicurativa al fine di ottenere un ingiusto profitto derivante dal risarcimento dei danni il 23 marzo 2019 a Tropea.

LEGGI ANCHE: Furti e ricettazione da Tropea e Ricadi sino a Filandari, ecco tutte le singole contestazioni

Informazione pubblicitaria