Antimafia: Gratteri assegna per Vibo un quarto pm

Si rafforza come non mai l’impegno della Dda di Catanzaro contro i clan del Vibonese. Ad Antonio De Bernardo, Anna Maria Frustaci e Andrea Mancuso viene ora affiancato il sostituto procuratore Andrea Buzzelli
Si rafforza come non mai l’impegno della Dda di Catanzaro contro i clan del Vibonese. Ad Antonio De Bernardo, Anna Maria Frustaci e Andrea Mancuso viene ora affiancato il sostituto procuratore Andrea Buzzelli
Informazione pubblicitaria

Si rafforza l’organico dei pm della Dda di Catanzaro che si occuperanno delle indagini sul territorio vibonese. Il procuratore capo, Nicola Gratteri, ai tre magistrati già assegnati ad occuparsi delle inchieste contro i clan vibonesi – i pm Antonio De Bernardo, Anna Maria Frustaci e Andrea Mancuso – ha infatti in queste ore affiancato anche il sostituto procuratore della Repubblica di Catanzaro, Andrea Buzzelli, 37 anni, già protagonista insieme ai colleghi di alcune importanti inchieste contro i clan del Crotonese (operazione “Infectio”) e altre indagini di competenza della Procura ordinaria. Non era mai successo che il territorio vibonese venisse seguito, per quanto attiene alle inchieste antimafia, da ben quattro magistrati della Dda.

Un’attenzione particolare per Vibo e provincia, quella del procuratore Gratteri, il cui territorio è da anni alle prese con lo strapotere criminale di clan da “serie A” e con dinamiche malavitose complesse, oltre che con una marea di crimini rimasti impuniti. La Dda di Catanzaro negli scorsi anni aveva infatti assegnato solo un magistrato per il Vibonese (in un breve arco temporale se ne sono avuti al massimo due con l’ingresso dell’allora pm Pierpaolo Bruni), ma mai tre ed ora quattro. Un rinforzo importante, atteso che gli attuali pm sono impegnati sia in dibattimenti delicati nati da importanti operazioni antimafia, sia a coordinare indagini sempre più complesse e articolate. Un lavoro enorme mai visto prima sul territorio vibonese che aveva quindi bisogno di ulteriori rinforzi. Ulteriori risultati investigativi potrebbero quindi aversi a breve.