Joppolo, rivolta nel centro d’accoglienza: sei minori denunciati per sequestro di persona

Gli ospiti della struttura per stranieri avevano sbarrato l’uscita della struttura con mobili e arredi chiedendo l’erogazione del “pocket money” 

Gli ospiti della struttura per stranieri avevano sbarrato l’uscita della struttura con mobili e arredi chiedendo l’erogazione del “pocket money” 

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Durante la notte tra il 26 ed il 27 dicembre i carabinieri della Compagnia di Tropea sono intervenuti in forze nel centro di accoglienza per minori stranieri non accompagnati “Da donna a donna Onlus” sito in località “Policari” di Joppolo

Informazione pubblicitaria

I militari, arrivati sul posto, soprendevano una ventina di ospiti che impedivano materialmente l’uscita dei dipendenti e della responsabile del centro mediante la collocazione di arredi vari, chiedendo di ricevere oltre al “pocket money” che spettava loro quel giorno, un ulteriore “pocket money” a causa di mancate erogazioni nei mesi precedenti. 

I militari, dopo una lunga mediazione, sono riusciti a ricomporre la protesta ed a permettere l’erogazione del “pocket money” originariamente previsto, denunciando però per sequestro di persona i sei minori, tutti di provenienza africana, per il sequestro di persona patito dalle tre vittime.