A Vibo l’anagrafe si rinnova, arriva la Carta d’identità elettronica

L’annuncio degli assessori Manduca e Riga: «Un altro passo in avanti sulla strada dell’innovazione e digitalizzazione dell’Ente»

L’annuncio degli assessori Manduca e Riga: «Un altro passo in avanti sulla strada dell’innovazione e digitalizzazione dell’Ente»

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«Dal 2 gennaio 2018 gli uffici comunali di Vibo Valentia, in linea con il processo di digitalizzazione della Pa e di semplificazione della burocrazia, rilasceranno soltanto la nuova Carta d’identità elettronica». Ad annunciarlo con un comunicato sono gli assessori comunali Silvia Riga e Raffaele Manduca, rispettivamente con deleghe all’Innovazione tecnologica e al Personale, che, «di concerto con gli uffici dei Servizi demografici e Servizi informatici si sono attivati già da diversi mesi per essere tra i primi Comuni a rilasciare il nuovo documento elettronico». 

Informazione pubblicitaria

«Un altro passo in avanti, dunque, – hanno dichiarato gli Assessori – sulla strada dell’innovazione e digitalizzazione dell’Ente che consentirà ai cittadini di ricevere servizi innovativi e più efficienti, in linea con il mandato del sindaco Costa».   

La nuova Carta di identità elettronica è l’evoluzione del documento di identità in versione cartacea: dalle dimensioni di una carta di credito, la Cie è realizzata in policarbonato con la foto, i dati e impronte digitali del cittadino e dotata di sofisticati elementi di sicurezza e contraffazione. E’ prevista, inoltre, la facoltà del cittadino maggiorenne di indicare il consenso o il diniego alla donazione di organi e/o tessuti in caso di morte. Tra le caratteristiche innovative, il nuovo documento di identificazione del cittadino, sarà anche un documento di viaggio in tutti i paesi UE ed un importante strumento che consentirà di accedere ai servizi erogati in rete dalle Pubbliche Amministrazioni e abilitare i cittadini all’acquisizione di identità digitali sul Sistema pubblico di identità digitale (Spid).

Come si ottiene? La CIE può essere richiesta dal cittadino al Comune di residenza o di dimora nei casi di primo rilascio, alla scadenza della carta d’identità cartacea, o in caso di deterioramento, smarrimento o furto del vecchio documento di identificazione. Per velocizzare le operazioni di rilascio è possibile prenotare un appuntamento presso l’Ufficio Anagrafe e Servizi Demografici dell’Ente o sul sito governativo.  La consegna della CIE avverrà entro sei giorni lavorativi, presso l’indirizzo indicato dal cittadino all’atto della richiesta oppure presso il Comune.

La validità della Carta di identità varia a seconda all’età del titolare ed è di: 3 anni per i minori di età inferiore a 3 anni; 5 anni per i minori di età compresa tra i 3  e i 18 anni; 10 anni per i maggiorenni. Il costo della Cie è di euro 22,60 (inclusi i diritti fissi e di segreteria) e comprende anche le spese di spedizione. 

Per venire incontro alle esigenze del cittadino e per agevolare il Comune nelle operazioni di acquisizione dei dati è previsto un Portale istituzionale delle Cie, all’indirizzo internet www.cartaidentita.interno.gov.it , in cui trovare tutte le informazioni utili per la presentazione della domanda di rilascio della Cie oltre che prenotare l’appuntamento con gli uffici comunali ed indicare l’indirizzo di consegna della Cie.