Maxi-piantagione di canapa a Nicotera, in due lasciano il carcere

La misura cautelare sostituita dal gip del Tribunale di Vibo Valentia con l’obbligo di dimora nel comune di residenza

La misura cautelare sostituita dal gip del Tribunale di Vibo Valentia con l’obbligo di dimora nel comune di residenza

Informazione pubblicitaria

Il gip del Tribunale di Vibo Valentia ha sostituito la misura cautelare della custodia in carcere con quella dell’obbligo di dimora nel comune di residenza per Domenico Zungri, 47 anni, di Rizziconi, difeso di fiducia dagli avvocati Mario Santambrogio e Francesco Capria, e per Salvatore Zungri, 54 anni, pure lui di Rizziconi, difeso dagli avvocati Mario Santambrogio e  Nadia Spataro.

Informazione pubblicitaria

Nel corso di una perquisizione effettuata nell’ottobre scorso in un terreno sito nel comune di Nicotera erano stati arrestati in flagranza di reato i germani Zungri insieme a Nicola Corrarello, 65 anni, di Nicotera.  

In particolare, i tre erano stati sorpresi mentre irrigavano una piantagione di cannabis indica, presente su un terreno di Corrarello (in contrada Margherita, nella frazione Nicotera Marina) rivelatasi poi composta da complessive 2.561 piante.

In un casolare vicino, i carabinieri avevano poi trovato oltre duemila piante della stessa sostanza stupefacente e due pistole. Il gip, pur ritenendo esistenti le esigenze cautelari poste a sostegno dell’originario provvedimento coercitivo, tenendo in considerazione anche l’immanente scadenza dei termini di custodia cautelare, ha disposto l’immediata scarcerazione dei fratelli Zungri. 

LEGGI ANCHE:

Marijuana trovata in un casolare nelle campagne di Nicotera

Marijuana: piantagione di 280 piante ritrovata a Nicotera

Detenzione di cocaina e marijuana a Nicotera, 33enne condannato a otto mesi

Maxi-piantagione di 10mila piante di marijuana scoperta a Nicotera, un arresto