Tropea, dopo l’aggressione parla l’architetto Giannini: «Stupito dal calore ricevuto» (VIDEO)

Il dirigente comunale vittima di un violento pestaggio esprime riconoscenza per quanti gli hanno manifestato vicinanza. Intanto i commissari ribadiscono l’appello: «È ora che i cittadini scelgano da che parte stare» 

Il dirigente comunale vittima di un violento pestaggio esprime riconoscenza per quanti gli hanno manifestato vicinanza. Intanto i commissari ribadiscono l’appello: «È ora che i cittadini scelgano da che parte stare» 

Informazione pubblicitaria
L'architetto Vincenzo Giannini
Informazione pubblicitaria

Venti punti di sutura e due agenti che da ieri gli fanno da scorta. «Acciaccato, ma sto bene, sono ancora in piedi». È visibilmente scosso ma trova la forza di parlare Vincenzo Giannini, capo dell’ufficio tecnico di Tropea, vittima martedì sera di una brutale aggressione da parte di ignoti che, dinanzi al Municipio, lo hanno ferito a bastonate.

Informazione pubblicitaria

Nelle ore e nei giorni successivi tanti, tantissimi, gli attestati di vicinanza e di solidarietà all’indirizzo del dirigente: «Un calore che non avrei mai immaginato, mi inorgoglisce avere tutte queste persone accanto».

E anche la triade commissariale ribadisce la ferma condanna del vile gesto e rivolge un appello alla collettività: «Non ci intimidiamo, continueremo a lavorare meglio e più di prima ma è importante che oggi la popolazione di Tropea scelga da che parte stare».

LEGGI ANCHE:

Aggressione a Tropea, reazioni indignate e attestati di solidarietà per l’architetto del Comune

Aggressione a Tropea, la reazione dei commissari: «I cittadini scelgano da che parte stare»

Aggressione a Tropea, disposta la scorta per l’architetto Giannini

Aggressione all’architetto Giannini a Tropea, la reazione dell’Ordine: «Non ci faremo intimidire»

Tropea: dirigente comunale aggredito e ferito a bastonate