Nuovi orari al cimitero di Vibo, il Comitato non ci sta: «Negato il diritto di far visita ai propri cari»

Dura presa di posizione del fondatore Mariano Piro che invita l’amministrazione comunale a trovare una soluzione che vada incontro ai cittadini e a rimuovere l’accumulo di rifiuti fuori dal camposanto

Dura presa di posizione del fondatore Mariano Piro che invita l’amministrazione comunale a trovare una soluzione che vada incontro ai cittadini e a rimuovere l’accumulo di rifiuti fuori dal camposanto

Informazione pubblicitaria
Mariano Piro al cimitero di Vibo
Informazione pubblicitaria

Nuovi orari di apertura e chiusura per il cimitero di Vibo Valentia. Li ha stabiliti un’apposita ordinanza firmata dal sindaco Elio Costa per far fronte alla carenza di personale ma anche in ragione del recente episodio di cronaca che ha visto coinvolto il custode, Alessandro Sicari, contro il quale sono stati esplosi due colpi di pistola nel tardo pomeriggio del 21 gennaio scorso.

Informazione pubblicitaria

Il provvedimento sindacale dispone i seguenti orari: lunedì chiuso; martedì, giovedì, sabato e domenica aperto dalle 8 alle 14; mercoledì e venerdì aperto dalle 11 alle 17

Una decisione, quella assunta da Palazzo Luigi Razza, che non convince però il Comitato pro-cimitero di Vibo che attraverso Mariano Piro, tra i fondatori dello stesso comitato, si fa promotore di «una ferma protesta nei confronti del sindaco per dire che non è assolutamente ammissibile che i cittadini vibonesi non possano usufruire di un servizio indispensabile, qual è quello di poter andare a visitare tutti i giorni i propri defunti nel cimitero di Vibo città, per “carenza di personale”». 

Per il comitato «se ci sono dei problemi, una buona amministrazione comunale si deve far carico di risolverli e non togliere un servizio ai cittadini, che pagano tasse e tributi locali in più del dovuto, con il costo per ogni lampada votiva nel cimitero di Vibo è di 35 euro annui, addirittura più alto rispetto a quello di Roma dove il costo è di 24 euro annui. Ci si chiede – conclude Piro -, perché per altre situazioni i soldi al Comune di Vibo si trovano facilmente. Inoltre, si coglie l’occasione per denunciare l’accumulo di rifiuti fuori dal cimitero, che l’amministrazione comunale non provvede a far rimuovere al più presto. Pertanto si attende una pronta e positiva risposta alle richieste di cui sopra». 

LEGGI ANCHE:

Sparatoria all’interno del cimitero di Vibo, ferito il custode