sabato,Maggio 8 2021

Rinascita-Scott: torna in totale libertà Vincenzo Tassone

Era sottoposto all’obbligo di dimora dopo che nel novembre scorso il Riesame gli aveva revocato i domiciliari

Rinascita-Scott: torna in totale libertà Vincenzo Tassone

Lascia l’obbligo di dimora e il divieto di allontanamento da casa dalle ore 21 alle ore 6,30, tornando così totalmente libero, Vincenzo Tassone, 40 anni, originario di Polistena ma residente a Lavena Ponte Tresa (Va), coinvolto nell’inchiesta Rinascita-Scott. La decisione è del Tribunale collegiale di Vibo Valentia (dinanzi al quale si sta svolgendo il processo Rinascita-Scott) in accoglimento di un’istanza presentata dall’avvocato Giuseppe Di Renzo sulla cessazione delle esigenze cautelari. Arrestato nel dicembre 2019 nell’operazione Rinascita-Scott, aveva successivamente ottenuto i domiciliari, revocati a novembre dal Tribunale del Riesame con l’obbligo di dimora e l’autorizzazione a lavorare in Svizzera. Tassone è accusato del reato di associazione mafiosa e di aver esploso alcuni colpi d’arma da fuoco il 14 gennaio 2018 all’indirizzo di un’auto parcheggiata a Vibo per conto della ‘ndrina dei Pardea.

LEGGI ANCHE: Arrestato il latitante Domenico Cracolici: era sfuggito a Rinascita Scott – VIDEO

Frode fiscale: ecco tutte le accuse mosse al deputato Riccardo Tucci del M5S

Processo Rinascita-Scott: il collaboratore Mantella verrà sentito come imputato

Autobomba di Limbadi, Scarpulla e Vinci in aula: «Così ci hanno distrutto la vita»

top