lunedì,Giugno 21 2021

Divieto di spostamento violato, in 5 sanzionati dalla polizia a Vibo

Ad una donna sequestrata pure della marijuana. Non fornite valide giustificazioni per la presenza sulla pubblica via in orario non consentito

Divieto di spostamento violato, in 5 sanzionati dalla polizia a Vibo

La Questura di Vibo Valentia ha intensificato le attività di controllo del territorio, anche attraverso mirati servizi nei luoghi ove possono essere maggiori i rischi di assembramento, al fine di garantire l’attuazione delle misure straordinarie di contenimento della diffusione del Covid-19. In particolare, nel corso dell’ultimo weekend, personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico ha elevato cinque sanzioni amministrative dovute al mancato rispetto delle prescrizioni imposte dalla normativa anti-contagio, tutte nei confronti di soggetti che hanno violato il divieto di spostamento previsto dalle ore 22 alle ore 5 del giorno successivo.

Nella nottata tra sabato e domenica, una donna e due uomini, tutti di Vibo Valentia, sono stati notati mentre erano intenti a dialogare nei pressi di un distributore automatico di bevande sito nel centro cittadino, ragion per cui, non avendo fornito valide giustificazioni in merito alla loro presenza sulla pubblica via in orario non consentito, sono state sanzionati in ossequio a quanto prescritto dal Dpcm del 14 gennaio 2021. [Continua dopo la pubblicità]

Nell’ambito del controllo, la donna presente sul posto, una ragazza vibonese di 36 anni, è stata anche segnalata alla locale Prefettura per detenzione di sostanza stupefacente per uso personale poiché, all’esito di perquisizione eseguita sul posto, è stata trovata in possesso di 0,3 grammi di marijuana occultata all’interno della borsa, successivamente sottoposta a sequestro. Ulteriori sanzioni amministrative per il mancato rispetto delle norme anti-covid sono state inflitte nei confronti di altri due vibonesi, rispettivamente di 30 e 54 anni, i quali sono stati colti tra la mezzanotte e l’una di sabato sera mentre percorrevano le strade del centro cittadino, non fornendo al riguardo alcuna valida spiegazione che potesse giustificare il loro spostamento.

LEGGI ANCHE: Zona gialla, buona notizia con beffa per bar e ristoranti: si parte da lunedì, “bruciata” la domenica

Al via la campagna di screening gratuito per gli avvocati vibonesi

Scuole, lunedì si torna in classe: ecco come si sono organizzati gli istituti vibonesi

top