Cimitero di Vibo, il Comitato propone nuove assunzioni con i soldi delle lampade votive (VIDEO)

Il fondatore Mariano Piro chiama in causa la politica, a suo dire “silente” sul caso dei nuovi orari e stimola l’amministrazione a risolvere il problema della carenza di personale

Il fondatore Mariano Piro chiama in causa la politica, a suo dire “silente” sul caso dei nuovi orari e stimola l’amministrazione a risolvere il problema della carenza di personale

Informazione pubblicitaria
Il cimitero di Vibo Valentia
Informazione pubblicitaria

«Molte persone sulle recenti problematiche emerse non solo per il cimitero di Vibo Città, ma anche per i cimiteri delle frazioni che riguardano i nuovi orari di apertura e chiusura, la pulizia ed il decoro degli stessi, l’assegnazione di nuovi suoli e loculi cimiteriali ed altro, hanno chiesto al Comitato Pro cimitero di intervenire, per sapere perché i consiglieri comunali eletti nel Comune di Vibo Valentia, che dovrebbero rappresentare tutti i cittadini Vibonesi, non si attivano per risolvere questa situazione paradossale riferita ai cimiteri del nostro territorio. Perché gli stessi restano in silenzio?».

Informazione pubblicitaria

A riferirlo in un nuova comunicazione, dopo la “raccolta firme di protesta” avviata nei giorni scorsi, è Mariano Piro, attivista e fondatore del comitato di cittadini che si batte per i servizi cimiteriali e tra i primi a denunciare i disagi causati dal nuovo cambio di orari di apertura del cimitero di Vibo città. Piro chiama in causa, dunque, i rappresentanti del popolo a Palazzo Luigi Razza a suo dire assenti rispetto al problema. Un’iniziativa consiliare, a dire il vero, è stata assunta nei giorni scorsi dal gruppo d’opposizione formato da Antonio Lo Schiavo, Loredana Pilegi, Rosario Tomaino e Maria Fiorillo, che ha presentato un’interrogazione in tal senso a sindaco e assessori.  

Piro, da fondatore del comitato insieme al presidente Piero lannello ed a tanti altri interlocutori, ritiene ora che «non è assolutamente concepibile che a Vibo Valentia stia accadendo tutto questo e diciamo ad alta voce che andare a visitare tutti i giorni i propri defunti, è un sacrosanto diritto che non si può togliere a nessuno. Chiediamo la massima considerazione per i nostri defunti e per tutti quei cittadini che vogliono che un luogo sacro venga rispettato. Questa amministrazione comunale – aggiungono – con le limitazioni stabilite per i cimiteri cittadini, sta mortificando e penalizzando tantissime persone».

Quindi la proposta: «per risolvere la “carenza di personale” e per ripristinare gli orari di apertura e chiusura del cimitero come erano in precedenza, proponiamo che i soldi che si ricavano dal costo delle lampade votive, circa 70mila euro annui, vengano utilizzati da dare come incentivo a chi vuole andare a lavorare nelle sedi cimiteriali. Siamo sicuri che con la tanta disoccupazione che c’è in giro e con le tante privazioni o limitazioni che ogni famiglia è costretta ad avere per arrivare a fine mese, specie con i tempi che corrono, quanto da noi proposto possa essere attuato».

LEGGI ANCHE:

Nuovi orari al cimitero di Vibo, il Comitato non ci sta: «Negato il diritto di far visita ai propri cari»

Nuovi orari e spazzatura al cimitero di Vibo, il Comitato raccoglie le firme (VIDEO)

Servizi cimiteriali a Vibo e frazioni: interrogazione su orari, manutenzione e decoro

Sparatoria all’interno del cimitero di Vibo, ferito il custode