Impiegava un lavoratore in nero, sequestrato autolavaggio a Filandari

Il proprietario è stato denunciato in stato di libertà e si è visto comminare due sanzioni per un totale di 5mila euro

Il proprietario è stato denunciato in stato di libertà e si è visto comminare due sanzioni per un totale di 5mila euro

Informazione pubblicitaria
Il lavaggio sequestrato
Informazione pubblicitaria

Dopo il sequestro di un chiosco per la vendita di frutta e verdura avvenuto in località Angitola a Pizzo, i carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia hanno messo a segno un altro risultato in materia di contrasto all’abusivismo.

Informazione pubblicitaria

I militari dell’Arma della Stazione di Filandari, coadiuvati dal Noe di Reggio Calabria e dal Nil di Vibo Valentia, hanno infatti effettuato un controllo presso un autolavaggio e gommista, all’esito del quale emergeva la presenza di un lavoratore in nero per il quale, al titolare, è stata comminata una sanzione amministrativa di 3.000 euro con contestuale sospensione dell’attività imprenditoriale e ulteriori 2.000 euro di sanzione

Il proprietario è stato altresì denunciato in stato di libertà poiché i militari hanno accertato che l’attività di autolavaggio era palesemente svolta senza il previsto titolo autorizzativo motivo per il quale, la sola area interessata alle operazioni di lavaggio è stata sequestrata

LEGGI ANCHE:

Attività abusiva, sequestrato un chiosco di frutta e verdura allo svincolo di Pizzo