Pistola e munizioni in casa, domiciliari per 61enne di Rombiolo

Lascia il carcere l’arrestato ad opera della polizia che aveva trovato l’arma e i proiettili nel corso di una perquisizione
Lascia il carcere l’arrestato ad opera della polizia che aveva trovato l’arma e i proiettili nel corso di una perquisizione
Informazione pubblicitaria

Convalidato dal gip del Tribunale di Vibo Valentia, Francesca Del Vecchio, l’arresto di M.M., (le generalità complete non sono state rese note dalla polizia), 61 anni, di Rombiolo che tuttavia ha lasciato il carcere per i domiciliari. L’ufficio di Procura aveva chiesto la custodia cautelare in carcere, mentre aveva chiesto la scarcerazione l’avvocato Michele Ciconte. Il 61enne di Rombiolo è accusato del reato di detenzione illegale di arma clandestina, nonché del reato di ricettazione. A seguito di perquisizione domiciliare effettuata dalla Squadra Mobile di Vibo nella sua abitazione di Rombiolo, i poliziotti hanno rinvenuto una pistola semiautomatica calibro 7.65 con matricola abrasa e relativo caricatore con 9 cartucce. La perquisizione ha poi permesso di rinvenire ulteriori 150 cartucce calibro 9×21più 50 cartucce calibro 7.65, illegittimamente detenute, e la somma di denaro di 27.875,00 euro in banconote di vario taglio. Il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro.

LEGGI ANCHE: Pistola clandestina e munizioni in casa, arrestato 61enne di Rombiolo

Pistola in un capannone, condannato 52enne di Filandari