Vazzano, la denuncia del geometra Massa: «Preso a calci davanti a mia figlia per la politica»

La violenta aggressione sarebbe stata messa in atto da tre persone nella piazza principale del paese al termine di una manifestazione carnevalesca. «Ho paura - ha detto - per me e per la mia famiglia»

La violenta aggressione sarebbe stata messa in atto da tre persone nella piazza principale del paese al termine di una manifestazione carnevalesca. «Ho paura - ha detto - per me e per la mia famiglia»

Informazione pubblicitaria
La piazza di Vazzano
Informazione pubblicitaria

Una violenta aggressione perpetrata ai suoi danni nella piazza principale del paese e di fronte alla figlia di 9 anni e al padre. L’episodio sarebbe avvenuto a Vazzano, l’11 febbraio scorso, al termine di una manifestazione carnevalesca. 

Informazione pubblicitaria

A denunciarlo a mezzo stampa è il diretto interessato, il geometra Francesco Massa, che riferisce di «una vera e propria spedizione punitiva», messa in atto da tre persone, che trarrebbe origine da dissidi legati alla politica locale.

I tre, riferisce Massa, sarebbero giunti in piazza «con atteggiamenti minacciosi sfociati in un’aggressione fisica con calci al torace e al volto. Solo la fortuna ha evitato danni irreparabili». L’episodio in questione, poi, sarebbe solo l’ultimo di una serie già segnalata ai carabinieri di Vazzano.  

«Dopo questo ennesimo episodio – ha aggiunto il geometra – temo ancora di più per la mia persona e per la mia famiglia, avendo avuto modo di conoscere, a mie spese, la pericolosità delle persone che in questi mesi mi hanno aggredito e minacciato. Lancio un accorato appello alle forze dell’ordine affinché comprendano la pericolosità di codesti individui ed agiscano celermente al fine di evitare conseguenze irreparabili».