martedì,Maggio 18 2021

Vergogna: a Vibo c’è chi ruba anche le piastrelle dei marciapiedi!

Singolare furto in viale Kennedy: venti mattonelle sottratte dal cantiere per il rifacimento del marciapiede. Un gesto che testimonia l’assoluta mancanza di rispetto verso la cosa pubblica

Vergogna: a Vibo c’è chi ruba anche le piastrelle dei marciapiedi!
I lavori per il rifacimento di un marciapiede

Singolare furto in viale Kennedy a Vibo Valentia. Dal cantiere per il rifacimento di un tratto di marciapiede, qualcuno (sembra approfittando di una pausa degli operai), ha pensato bene di sottrarre alcune piastrelle di cui probabilmente necessitava per qualche lavoro… privato.

Ci sarebbe da ridere se il gesto non fosse rivelatorio di un malcostume che, in mille altre forme, si palesa ogni giorno davanti agli occhi di tutti: una disaffezione e un disamore verso la cosa pubblica, imperante in città, da parte di un gran numero di cittadini. Sì, perché altrimenti non si possono spiegare gli innumerevoli sfregi al territorio che si perpetrano attraverso, ad esempio, l’abbandono indiscriminato di rifiuti lungo le strade, l’incuria in cui versano certi luoghi, la condotta di molti automobilisti lungo la pubblica via. E l’elenco potrebbe proseguire all’infinito, specchio di una società che, in larga parte, dimostra scarso rispetto per il luogo in cui vive.

Così anche l’episodio del furto di venti piastrelle da un cantiere pubblico la dice lunga sul senso del bene collettivo di certi “cittadini”. Un gesto stigmatizzato anche dal sindaco Maria Limardo: « Durante una pausa dei lavori, sono state sottratte venti mattonelle del valore di una manciata di spiccioli ma determinanti per il ripristino con lo stesso materiale. Non sappiamo se siano servite a qualche poverino senza possibilità economiche, se così non fosse, e invero ne dubitiamo, è un fatto che denota grossolana ignoranza e la più bieca insensibilità per il bene pubblico».

Articoli correlati

top