Pizzo, la metanizzazione raggiungerà i quartieri a nord del centro abitato

A darne notizia è il sindaco Gianluca Callipo, che annuncia la presentazione del progetto da parte della società che gestisce l’infrastruttura che consente la distribuzione nelle case del metano

A darne notizia è il sindaco Gianluca Callipo, che annuncia la presentazione del progetto da parte della società che gestisce l’infrastruttura che consente la distribuzione nelle case del metano

I quartieri interessati dal progetto
Informazione pubblicitaria

«Più risparmio per le famiglie, maggiore sicurezza ed eliminazione dei disagi. Sono queste le conseguenze positive dell’ampliamento della metanizzazione a Pizzo, annunciata da Italgas». 

Informazione pubblicitaria

A darne notizia è il sindaco Gianluca Callipo, che annuncia la presentazione del relativo progetto da parte della società che gestisce l’infrastruttura che consente la distribuzione nelle case del metano. La nuova rete sarà realizzata per servire i quartieri più recenti che si sviluppano lungo via Nazionale. 

«Una bella notizia – ha commentato Callipo – per tutti gli abitanti di Località Casale-Via Nazionale, come i quartieri Mizar e della cooperativa Masciari. Lo scorso anno, durante la campagna elettorale, avevamo preso impegni precisi con chi risiede in quest’area, assicurando che avremmo fatto tutto il possibile per ottenere l’estensione della rete del gas metano a tutte le nuove abitazioni a nord della Villa comunale. Ebbene, la promessa sarà presto mantenuta, visto che i lavori inizieranno ad aprile e già dal prossimo autunno dovrebbe essere possibile l’allaccio da parte delle singole abitazioni».

Per implementare il metanodotto sarà necessario intervenire sulle tubature che dalla strada provinciale 522 (Bivio Chiesa San Francesco) salgono lungo la Marcello Salomone, per poi procedere su Via Nazionale. La nuova rete arriverà fino all’incrocio con Località Bevivino, fuori dal centro abitato. «Negli ultimi anni – ha concluso Callipo – le famiglie che abitano nella zona interessata hanno dovuto sostenere costi enormi per il riscaldamento delle proprie case. L’ampliamento dell’infrastruttura di distribuzione oltre a garantire un notevole risparmio, garantirà anche maggiore sicurezza rendendo superfluo il ricorso a bombole e bomboli del gas».